Produttore: 'e curti

"Curti", nel dialetto Napoletano, è un aggettivo usato per descrivere persone che hanno un' altezza inferiore alla norma. Luigi e Antonio Ceriello, due fratelli di S.Anastasia, un paese alle pendici del Monte Somma nell'area Vesuviana, erano dei nani lilipuziani per questo il nome "'e curti".
Dopo aver girato tutta la nostra penisola, decisero di ritornare nel paese natale e di utilizzare i vantaggi dell'enorme bagaglio culturale acquisito durante il lavoro nel corso degli anni in spettacoli circensi. Viaggiarono moltissimo e acquisirono una grande conoscenza di vini e tradizioni culinarie delle varie regioni Italiane.

Nel 1952 rilevano un'osteria che forniva pasti. Questa taverna era stata aperta da un loro zio, che preferì i piaceri della terra a quelli dello spirito, aveva abbandonato l'abito talare e per questo la taverna era originariamente conosciuta come "O'Monaco" che in dialetto significa "il Monaco". L'estro culinario dei due "curti" riscopre alcuni tra i piatti più antichi della gastronomia partenopea, già minuziosamente descritti qualche secolo addietro in ricettari del Ca- valcanti e del Corrado e radicati nella tradizione dell’entroterra vesuviano. Le succulente preparazioni e la convivialità tutta napoletana dei "curti" fanno ben presto dell’originaria osteria, ormai conosciuta come "'a cantina de 'e curti", un punto di riferimento dei buongustai della zona.
Don Luigi "'o curto", il più "pubblico" dei due fratelli, muore nel 1973 lasciando ancor oggi un vivo ricordo, di foscoliana memoria, non solo tra i suoi compaesani. La tradizione culinaria viene portata avanti dall'altro "curto", Antonio, coadiuvato ai fornelli, come dal lontano '52, dalla sorella Assunta, dalla loro nipote Angela e, dal '65, dal marito di quest'ultima, Carmine D'Alessandro. Quando nel 1990 muore l’ultimo dei due "curti", il tipico locale è ormai fortemente ancorato ai dettami gastronomici e gestionali dei "curti", gelosamente custoditi dai loro successori (Assunta, Angela, Carmine), i quali, con animata passione ed accresciuta professionalità, hanno ampliato la scelta di leccornie, senza però dimenticare i solidi legami con la tradizione locale. Nel 1995, i due figli di Angela e Carmine, Vincenzo e Sofia, sotto l'egida di zia Assuntina, decidono di commercializzare "'o nucillo", producendolo secondo quanto prescritto da una ricetta del 1904 custodita dai "curti", i quali l'avevano adoperata per realizzare sin dall'inizio il fine pasto diventato poi una gra- ditissima consuetudine del loro locale.

Di Più

E Curti Nucillo liquore nocino 52,8° Astucciato

'e curti
23,00 € 25,00 € -8%
Aggiungi al carrello

E Curti Assoluto distillato di mallo di noce 45° Astucciato

'e curti
35,70 € 38,80 € -8%
Showing 1 - 2 of 2 items

Top