Produttori: There are 478 brands

  • 'e curti

    "Curti", nel dialetto Napoletano, è un aggettivo usato per descrivere persone che hanno un' altezza inferiore alla norma. Luigi e Antonio Ceriello, due fratelli di S.Anastasia, un paese alle pendici del Monte Somma nell'area Vesuviana, erano dei nani lilipuziani per questo il nome "'e curti".
    Dopo aver girato tutta la nostra penisola, decisero di ritornare nel paese natale e di utilizzare i vantaggi dell'enorme bagaglio culturale acquisito durante il lavoro nel corso degli anni in spettacoli circensi. Viaggiarono moltissimo e acquisirono una grande conoscenza di vini e tradizioni culinarie delle varie regioni Italiane.

  • 42 Below Vodka

    42 Below è la vodka prodotta più a sud del mondo: sotto il 42° parallelo sud, in Nuova Zelanda. E’ prodotta direttamente dal grano, distillata tre volte, poi ridotta di grado con acqua di fonte e ridistillata. Questa distillazione è unica al mondo, il distillato è filtrato attraverso 35 filtri, l’acqua usata proviene dal una falda purissima in una zona vulcanica.

  • Abbazia Di Novacella

    L’Abbazia di Novacella è situata nella zona vitivinicola più settentrionale dell’Italia in Alto Adige. L’altitudine (600m – 900m), il clima fresco ed i terreni ricchi di minerali sono ideali per lo sviluppo ottimale degli aromi e della sapidità dei tipici vini bianchi della Valle Isarco come il Sylvaner, il Müller Thurgau, il Kerner, il Gewürztraminer ed il Veltliner.

  • Aberfeldy

    La distilleria Aberfeldy, considerata la perla del Perthshire, è situata in un'altura che domina il fiume Tay. La sua fondazione risale al 1896 quando grazie alla forte crescita dei Blended Whisky Thomas Robert e John Alexander Dewar (figli di John Dewar) decisero di aumentare la produzione di single malt di qualità per il loro blend. I due fratelli erano molto diversi fra loro ma allo stesso tempo complementari, Thomas Dewar era estroverso e aveva un grande fiuto per gli affari, fu uno dei primi distributori scozzesi a imbottigliare i suoi blended, mentre John Alexander era serio e introverso e da negoziante del settore si tramutò in breve tempo in  master blender di altissima qualità.

  • Abuelo ron Distilleria

    In Varela oggi si distilla sia dal succo di canna vergine che da melassa. Ogni anno le piantagioni di proprietà producono circa 50'000 tonnellate di canna su una superficie di 800 ettari. Anche la linea di imbottigliamento è di proprietà. Nello specifico la Varela Hermanos ne possiede due, una a Pesè ed una nella Capitale. A pesè si imbottiglia prevalentemente Seco Herrano, mentre in capitale si imbottigliano Ron Abuelo, Ron Cortez e Gin Caballito. Tutti marchi di proprietà dell'azienda.

  • Acetaia Cazzola e Fiorini S.r.l.

    Acetaia Cazzola Fiorini 1919 nasce da famiglie emiliane, legate alla propria terra e alle proprie tradizioni e alla passione per prodotti alimentari di eccellenza.
    Partendo dalla riserva della famiglia Fiorini, (produttori di “aceto tradizionale” di Modena e vini emiliani dal 1919), produciamo aceto balsamico di Modena IGP, creme e condimenti balsamici e aceti di vino invecchiati.

  • Adami Spumanti

    Adami da oltre 90 anni produce solo Prosecco (Valdobbiadene Docg e Prosecco Doc Treviso) nelle sue varie tipologie ed espressioni, sia tradizionali che particolari, legate alle diversità di ogni singola collina.

    0 products

  • Adriano Ramos Pinto

    Nel 1990, la Casa Ramos Pinto entra a far parte del Gruppo Roederer, la cui storia ha caratteristiche identiche. Perciò, le qualità che hanno dato fama alla Casa Ramos Pinto hanno assunto una dimensione internazionale.

  • Adrien Camut

    La famiglia Camut coltiva 46 ettari, di cui 35 di meli ad alto fusto che producono frutti specifici per la produzione del sidro. Non fa mai trattamenti sui propri meli e non usa mai concimi chimici. Tutto il suo Calvados è prodotto esclusivamente dalla loro raccolta.

  • Albert Pic

    Fondata nel 1755, Maison Pic Albert è la più antica casa di Chablis. Conosciuto per secoli per i suoi vini eccezionali, il barone Patrick de Ladoucette ha rafforzato l'immagine della Maison Albert Pic creando la sua cuvee Pic 1er.

  • Albino Rocca

    Quattro generazioni raccontano la storia dell’azienda Albino Rocca, una tradizione vitivinicola che oggi vi presentiamo attraverso il nostro lavoro e quello di chi ci ha preceduto: nonno Albino e nostro padre Angelo Rocca.
    Oggi come ieri la nostra è una ricerca orientata costantemente alla qualità trovata e mantenuta nel tempo attraverso la purezza e l’eleganza espressiva che soltanto un riconoscibile legame con il territorio di Barbaresco ci può offrire.

  • Aldo Rainoldi

    Agli inizi degli anni Venti la Valtellina si trova in un contesto di povertà caratterizzato da emigrazioni. Come spesso accade in queste situazioni, le necessità della vita ed il desiderio di emergere per sfuggire alle difficoltà portano l’uomo ad animare il proprio spirito di intraprendenza.
    “Se non getti il cuore oltre l’ostacolo e non lo fai quando ne hai le forze, probabilmente certe cose non le farai mai nella vita!”. Quante volte Aldo Rainoldi ha sentito il nonno, suo omonimo, pronunciare queste parole riferendosi agli inizi della propria carriera di piccolo commerciante valtellinese; in questa breve frase è racchiusa la caparbietà di colui da cui l’avventura della Casa Vinicola Rainoldi ha avuto inizio.

  • Alkkemist

    Un Gin mediterraneo, un ultra Premium dalla Spagna.

  • Allegrini

    La Famiglia Allegrini è dedita alla produzione del vino da oltre quattrocento anni, svolgendo un ruolo significativo nello sviluppo della Valpolicella e contribuendo a farne culla privilegiata di grandi rossi.

    0 products

  • Altemasi Cavit

    Studiata e realizzata esclusivamente per ottenere spumanti Metodo Classico Trentodoc e Metodo Charmat, è una struttura unica, di elevato livello tecnologico e di grande funzionalità. 

  • Angostura Limited

    Angostura è uno dei produttori di rum leader dei Caraibi con una superba collezione di marche di rum ed è leader di mercato a livello mondiale per gli amari. Questi includono marche di rum come Angostura 1824, Angostura 1919, Angostura Single Barrel Reserve, White Oak, Forres Parco Puncheon, Black Label, Royal Oak, Angostura Reserva, Angostura 5 anni, Angostura 7 anni rum e ; la Angostura AMARO, Angostura arancio amaro, Angostura bitter e una firma bevanda Angostura calce del limone e amari. Angostura bitter non è stato cambiato da quando la prima bottiglia è stata immessa sul mercato nel 1824.

    0 products

  • Anselmi

    La Cantina Anselmi si trova a Monteforte d'Alpone, in provincia di Verona, un piccolo paese ai piedi delle colline. Le piante di vite, esposte a mezzogiorno, si estendono lungo 70 ettari di terra calcarea e di tufo vulcanico, sulle zone più alte delle colline di Monteforte e Soave ed il principale vitigno coltivato è la Garganega.

    0 products

  • Antica

    Il nome Antica proviene dalle parole Antinori e California, e rappresenta il desiderio di lunga data della famiglia Antinori di creare vini eccezionali che sono una vera espressione della Napa Valley da una loro tenuta. Le 26 generazioni di storia enologica della famiglia Antinori sono state sinonimo di crescita delle regioni vinicole della Toscana e dell'Umbria. Oggi, i loro vini sono tra i più riconosciuti ed apprezzati d'Italia.

  • Antica Distilleria Quaglia

    La distilleria di Castelnuovo don Bosco nasce negli anni immediatamente successivi all'unificazione d'Italia sulle colline inondate di sole tra il Monferrato e la collina torinese considerate da sempre terre di grande tradizione vinicola.

  • Antinori

    La Famiglia Antinori si dedica alla produzione vinicola da più di seicento anni: da quando, nel 1385, Giovanni di Piero Antinori entrò a far parte dell' Arte Fiorentina dei Vinattieri. In tutta la sua lunga storia, attraverso 26 generazioni, la famiglia ha sempre gestito direttamente questa attività con scelte innovative e talvolta coraggiose ma sempre mantenendo inalterato il rispetto per le tradizioni e per il territorio.

  • Apicoltura Cazzola

    Parlando di Miele Vergine Integrale, sottolineiamo che questo prodotto conserva tutte le sue proprietà nutritive naturali, non avendo subito alcun trattamento atto a modificarle. Per ottenere miele di origine botanica diversa, gli alveari vengono portati durante l'anno sulle rispettive fioriture. Questa operazione è chiamata"nomadismo" e come per altre attività agricole, le condizioni atmosferiche giocano un ruolo di fondamentale importanza. Ecco perchè la selezione dei nostri mieli, così come le rispettive caratteristiche, possono variare a seconda dell'annat

  • Ardbeg whisky

    La piccola, remota isola scozzese di Islay (si pronuncia 'eye-lah') è una terra antica. Un luogo selvaggio e indomito, dove i monaci celtici trovarono rifugio dalle incursioni dei Normanni ed i primi distillatori contrabbandato illeciti 'aquavitae' nella aspra baia rocciosa di Ardbeg. Abbondante acqua dolce, suolo fertile e acri di torba preziosa rendono questa isola un luogo di pellegrinaggio per il single malt whisky.

  • Argentiera Tenuta di Bolgheri

    Sull’affascinante costa dell’Alta Maremma, a circa 100 km a sud-ovest di Firenze, nella piccola e prestigiosa DOC Bolgheri sorge Tenuta Argentiera, parte dell’antica Tenuta di Donoratico appartenuta alla famiglia fiorentina dei Serristori.

  • Argiolas

    Quella degli Argiolas è una storia che comincia agli inizi del '900, a Serdiana, in provincia di Cagliari, terra di agricoltori, di oliveti e vigne. Qui nel 1906 nasce infatti Antonio, il patriarca. È lui che inizia a impiantare filari, a unire vigna a vigna, a produrre vino cercando la qualità, con rigore.

  • Armand De Brignac

    Armand de Brignac, colloquialmente "Ace of Spades", dopo il logo, è il nome di una marca di Champagne prodotto da Champagne Cattier, e venduta in bottiglie metallizate opache. Il primo imbottigliamento del marchio, Armand de Brignac Brut Oro, è identificabile per la sua bottiglia di oro con l'etichetta di peltro raffigurante l'Asso di Picche. 

  • Arnaldo Caprai

    La Arnaldo Caprai è riconosciuta come l’azienda leader nella produzione di Sagrantino di Montefalco, il grande vino rosso prodotto da uve Sagrantino, un vitigno unico che cresce solo nel territorio di Montefalco da più di quattrocento anni.

    0 products

  • Atlantico Rum

    Atlàntico è una delle eccellenze del Rum prodotto nella Repubblica Domenicana, terra d’elezione per la coltivazione della canna da zucchero di primissima qualità, materia prima indispensabile per realizzare grandi Rum. Dalla spremitura della canna da zucchero si ottiene un succo molto dolce, che viene fatto fermentare e distillato per creare Rum leggeri e delicati. Per i Rum più intensi, ampi, di maggior corpo e complessità, si procede alla fermentazione e distillazione della melassa. Per l’invecchiamento dei Rum più prestigiosi, Atlàntico utilizza il metodo solera, che consiste nel porre più file di piccole botti una sopra l’altra, in modo che ogni botte sia collegata a quella sottostante. Il rum da imbottigliare si prende sempre dalla botte più in basso, che contiene la miscela con una percentuale più alta di Rum invecchiati per molto tempo, in modo da garantire sempre una qualità d’eccellenza.

  • Aubry

    Si tratta della località Jouy-lès-Reims, nel cuore della Montagna "Petite" di Reims in cui Pierre e Philippe Aubry, discendenti di una lunga serie di proprietari viticoltori dal 1790, hanno deciso di far rivivere alcune varietà di vite che una volta crescevano nella zona della Champagne.

  • Auchentoshan

    Uno dei pochi single malt a tripla distillazione in Scozia, nel maggio del 2008 Auchentoshan (si pronuncia 'Okken-TOSHan') ha attraversato un rinnovamento; le etichette delle bottiglie sono state cambiate, la gamma è stata modificata e il centro visitatori è stato rinnovato. Le origini della distilleria sono abbastanza sconosciute, originariamente la distilleria ha iniziato la sua vita sotto il nome di 'Duntocher', che è stata menzionata la prima volta intorno alla fine del XIX secolo. Nel 1834, è stato rinominato Auchentoshan, prendendo dal gaelico 'Achad Oisin' o 'angolo del campo'.

    0 products

  • Aultmore

    La distilleria Aultmore si trova tra le città di Keith e Fochabers nello Speyside, in una zona conosciuta con il nome di "The Foggie Moss". La distilleria è stata fondata da Alexander Edward nel 1896 e il suo nome deriva da Allt Mor la fonte d'acqua della distilleria che in gaelico scozzese significa "grande fiume".

  • Avignonesi

    L'azienda vinicola prende il nome dalla famiglia Avignonesi, gli storici fondatori della tenuta. Una costante attività di ricerca e sviluppo, finalizzata a esprimere l'essenza del terroir di Montepulciano, ha permesso col tempo ad Avignonesi di guadagnarsi un meritato posto fra le aziende vinicole più rappresentative in Toscana.

  • Ayala

    Ayala ha preso vita nel 1860, quando Edmond de Ayala ha registrato il marchio e nel 1882 divenne uno dei 18 membri fondatori del ndicat of the Grandes Marques.

  • Azienda Agricola Scala Fenicia

    L’Azienda Agricola Scala Fenicia nasce dall’idea di recupero e rinnovamento della tradizione vinicola dell’isola di Capri. Da più di 50 anni le nostre uve vengono coltivate in simbiosi con l’ambiente naturale. A questa armonia abbiamo affiancato le moderne tecniche di vinificazione per valorizzare un vino che sia specchio della storia e del territorio di questa magnifica isola.

  • Bacardi

    Bacardi è un'azienda di produzione e distribuzione di alcolici, nota in particolare per il rum. La sua sede è ad Hamilton, nelle Bermuda. La storica azienda produttrice di rum, di origine cubana, fu fondata nel 1862 da Don Facundo Bacardí Massó. A causa degli espropri a danno di imprese private dovuti alla rivoluzione castrista, Bacardi fu costretta all'esilio da Cuba e trasferì la propria produzione a Porto Rico. Nel 1993, grazie all'acquisizione dell'italiana Martini & Rossi, storica casa torinese, Bacardi è diventata una tra le più grandi aziende mondiali per produzione e distribuzione di bevande alcoliche.

  • Baileys

    Baileys Irish Cream è un liquore a base di whiskey irlandese e crema di latte, fabbricato dalla R. A. Bailey & C. di Dublino, società del gruppo britannico Diageo. Il suo tasso d'alcool è pari al 17%. Baileys è la creazione di IDV (International Distillers and Vintners) e di I&M, una società di sviluppo di nuovi prodotti. Jago e David Gluckman, i protagonisti dietro questo liquore, da allora hanno creato molte altre bevande e prodotti, in particolare il liquore di crema Jago's, lanciata nel 2004.
    Baileys Irish Cream, lanciato in commercio il 26 novembre 1974, è stato messo a punto per soddisfare tutti i consumatori americani.

  • Barbancourt rhum

    Barbancourt è un rum prodotto e imbottigliato in Haiti da Société du Rhum Barbancourt, T. Gardère & Cie . L'azienda è una delle più antiche di Haiti, e il suo rum è una delle più famose esportazioni del paese, ampiamente considerato tra i migliori rum il mondo.

  • Barcelò ron

    Nel 1980 Miguel Barcelò creò il Rum Barcelò Imperial, la migliore riserva dei Rum Domenicani. Due decenni dopo questo pregiato rum è stato premiato come miglior rum al mondo, ricevendo 97 punti su 100; il punteggio più alto mai raggiunto da un rum in una competizione internazionale.
    I Rum Barcelò offrono la sensazione di degustare rum di una qualità perfetta, è il lavoro dei Distillatori Domenicani, che per anni produco il meglio del meglio del mondo del Rum.

  • Beefeater Gin

    Beefeater Gin è una marca di gin inglese prodotta dalla James Burrough Ltd. e distribuita dall'azienda francese Pernod Ricard.

  • Belguardo - Mazzei

    La storia della famiglia Mazzei ha inizio già dal XI Secolo ed è strettamente legata non solo alla tradizione vitivinicola toscana, ma anche a tutta la vita culturale della regione. Fin dalle loro origini, infatti, i Mazzei svolgono l'attività di viticoltori e sono figure importanti nella società fiorentina. Ancora oggi, la famiglia Mazzei è a capo di una delle realtà vitivinicole più affermate d'Italia, guidata da un impegno continuo nella ricerca dell'eccellenza, da una volontà di valorizzazione del territorio e da un rigoroso rispetto per l'ambiente, che si concretizza anche nella scelta di autoproduzione dell'energia.

  • Belisario

    Cantine Belisario, nata nel 1971 oggi e un'azienda agricola di 300 ettari vitati ed una cantina di 30.000Hl di capienza. E' il piu' grande produttore del vino Verdicchio di Matelica DOC e tutti i vigneti, che coltiva direttamente, sono vicini alla cantina ad una distanza massima di 10 minuti, tutti sono ospitati nell'Alta Valle Esina." Produce due marchi: “BELISARIO” dedicato alla ristorazione, enotecheria e “POGGIO alle RONDINI” dedicato alla grande distribuzione.

  • Bell's

    Bell è un marchio di Scotch whisky blended originariamente prodotto da Arthur Bell & Sons Ltd e ora di proprietà di Diageo. E 'il whisky più venduto nel Regno Unito

  • Bellavista

    Bellavista è una delle cantine più conosciute e apprezzate della Franciacorta, rinomata striscia di terra capace di produrre spumanti di altissima qualità. Nasce da un'intuizione di Vittorio Moretti, che, alla fine degli anni '60, inizia a fare vino "per evadere dalla routine" e si "ritrova in mano un gioiello d'azienda".

  • Beluga Distilleria

     La Vodka Beluga è prodotta da JSC Synergy, uno dei colossi russi del settore delle bevande alcoliche nonché terzo produttore di Vodka al mondo. Distillata per la prima volta nel 2002, Beluga è diventata in breve tempo leader del segmento Super Premium – Ultra Premium; sui mercati occidentali è presente a partire dal 2009, ed è oggi venduta in oltre 50 Paesi del mondo.

  • Belvedere vodka

    Belvedere è un marchio di vodka di segale polacca prodotta e distribuita da LVMH. Prende il nome Belweder, il palazzo presidenziale polacco, la cui illustrazione appare sulle sue bottiglie.

  • Berlucchi

    Da una memoria di Franco Ziliani
    Il maggiordomo mi scortò nel salotto di Palazzo Lana Berlucchi. Le note di “Georgia on my mind” vibravano nell’aria: Guido Berlucchi era al pianoforte. Rimasi incantato dall’eleganza della sua figura, dalla maestria con cui le sue mani accarezzavano i tasti. Volsi lo sguardo ai muri secolari, ai ritratti di famiglia; notai gli arredi preziosi. Tutto emanava raffinatezza non ostentata. Berlucchi richiuse il piano, mi salutò con calore e iniziò a interrogare me, giovane enologo, sugli accorgimenti per migliorare quel suo vino bianco poco stabile. Risposi senza esitazione alle sue domande, e nel salutarlo osai: “E se facessimo anche uno spumante alla maniera dei francesi?”.

  • Bernard Amiot

    Propriétaire-Récoltant-Distillateur à Cambremer
    A.O.C. Calvados du Pays d'Auge

  • Berta Distillerie

    Quattro generazioni per la grappa, quattro generazioni per arrivare a creare la modernissima distilleria dei Berta di Roccanivo a Casalotto di Mombaruzzo, quattro generazioni che hanno inizio l’11 luglio 1866 con la nascita di Francesco Berta.

    0 products

  • Bertani

    La casa vinicola Bertani nasce nel 1857, fondata dai due fratelli Giovan Battista e Gaetano Bertani, a Quinto di Valpantena, a nord di Verona. Gaetano era già allora un esperto nell’arte di vinificare i vini, avendo imparato le nuove tecniche in Francia dal professor Guyot, ritenuto ancora oggi uno dei maggiori esperti di viticoltura. L’inizio dell’attività dei Bertani coincide con lo spirito innovativo che spinge ad usare le più avanzate tecniche di produzione, sia in campo viticolo che enologico, applicate a tutte le proprietà di allora, in Valpantena e nel Soave, sempre nel rispetto del territorio e della cultura delle coltivazioni della zona.

    0 products

  • Beveland Distillers

    Sono i piccoli dettagli che fanno la differenza, particolari che ci rendono diversi e unici. Beveland Distillers ha una vasta esperienza e un portafoglio di prodotti in cui i più piccoli dettagli sono stati presi in considerazione al fine di ottenere un risultato eccellente, degno dei palati più esigenti.Situato nel nord della Spagna e con un ufficio commerciale a Hong Kong, le esportazioni Beveland Distillers si sviluppano in più di 60 paesi con un chiaro impegno per lo sviluppo dei suoi marchi secondo i principi di flessibilità, innovazione e dinamismo.

  • Bibi Graetz

    Il Castello di Vincigliata è una bellissima tenuta nella zona di Fiesole, risalente al 1031 e acquistata dalla famiglia Graetz nei primi anni ‘60. Attorno al castello si distendono i vigneti e la cantina di Bibi Graetz. 

  • Billecart Salmon

    Billecart-Salmon è una casa di champagne di medie dimensioni a Mareuil-sur-Ay, Francia. Fondata nel 1818 con il matrimonio di Nicolas François Billecart ed Elisabeth Salmon, è una delle poche a rimanere a conduzione familiare.

  • Black Forest Distilleria

    La distilleria Black Forest Distillers, la Stählemühle, è nota in tutto il mondo per l’elegante e particolare gin che produce, il Monkey 47. La storia di questo distillato è davvero unica ed è legata alla vita del comandante della Royal Air Force Montgomery Collins, uomo eclettico e poliglotta, figlio di un diplomatico inglese e cresciuto nella provincia anglo-indiana di Mandras.

  • Blanton's

    Nel 1984, il primo bourbon single barrel al mondo ad essere commercializzato portava l'etichetta "Blanto's Single Barrel Bourbon." Così chiamato in onore del colonnello Albert B. Blanton, è sembrato un giusto tributo ad un uomo che ha passato tutta la vita preservando la tradizione artigianale della produzione del bourbon. Per più di 55 anni, il Col. Blanton ha dedicato la sua carriera alla produzione di whisky fine e preservare e valorizzare il patrimonio di quello che oggi è conosciuto come Buffalo Trace Distillery. Nato e cresciuto in una fattoria vicina, il Col. Blanton ha iniziato a lavorare presso la distilleria nel 1897 come fattorino quando aveva solo 16. Nel corso degli anni successivi, ha lavorato in ogni reparto, e prima che fosse ventenne, il Col. Blanton è stato nominato sovrintendente della distilleria, il magazzino, e un negozio di imbottigliamento. Nel 1921, è stato presidente dello stabilimento.

    0 products

  • Bluecoat Distilleria

    Appartenente alla Philadelphia Distilling, Bluecoat è un brand che identifica un American Gin unico nel suo profilo aromatico, insuperabile nel carattere, e ottenuto eseguendo ben cinque cicli di distillazione. Aromatizzato utilizzando elementi botanici biologici e naturali, il Gin Bluecoat viene distillato in un alambicco in rame costruito artigianalmente. Recentemente trasferita nel quartiere Fishtown di Philadelphia, inoltre, la distilleria del Bluecoat Gin può attualmente offrire svariati servizi, come sala di degustazione, ristorazione, vendita diretta e spazio eventi, oltre a proporre, ovviamente, un Gin che risulta incredibilmente piacevole per tutti i sensi.

    0 products

  • Bobby's

    Schiedam Dry Gin di Bobby prende il nome da mio nonno, Jacobus Alfons, noto ai suoi amici e la famiglia come Bob o Bobby. Era la sua ricetta che ci hanno ispirato. Ci sono voluti quasi due anni per fare di Bobby, un gin distillato molto fine ed equilibrato. Tutte le otto botanicals vengono distillate separatamente. Senza additivi, zuccheri o estrazioni. Semplicemente puro gusto. Una nuova freschezza ad un classico senza tempo.

    0 products

  • Bollinger

    E’ nel 1829 che Jacques Bollinger, in società con Athanase de Villermont, fonda ad Aÿ la Maison che porta il suo nome. Grazie alla posizione privilegiata delle vigne, e ad una profonda etica di qualità, la Maison Bollinger acquisisce una reputazione a livello internazionale grazie allo stile e alla qualità dei suoi vini di Champagne. Ad oggi la famiglia presiede al futuro della Maison Bollinger ponendosi come fine quello di mantenere un livello di produzione che sia il più alto possibile.

  • Bombay Sapphire

    Bombay Sapphire è una marca di Gin prodotta dalla multinazionale degli alcolici Bacardi. Bombay Sapphire Gin è uno dei Premium Gin più popolari sul ​​mercato per una buona ragione. Questo London Dry Gin si distingue per essere un classico tra  i gin senza avere un ingrediente particolarmente aggressivo e schiacciante sugli altri  botanici, è questo che lo rende ideale per la miscelazione in qualsiasi cocktail a base di gin.

  • Bonnaire

    Fondata nel 1932, la Champagne Bonnaire produce Champagne da una finezza rara e di qualità riconosciuto in tutto il mondo. Situata a Cramant, villaggio classificato 100% Grand Cru nella rinomata Côte des Blancs, dove lo Chardonnay è un punto di riferimento, gli Champagne Bonnaire sono l’espressione di un know-how di questo “terroir” così speciale. 

  • Borgogno

    Il nome Borgogno è da sempre legato ad una delle più antiche case vinicole di Langa e del Piemonte. Tutto ha inizio nel 1761 quando Bartolomeo Borgogno fonda la cantina. Negli anni a seguire la storia dell’azienda si lega spesso a quella del nostro Paese, come nel 1861, anno in cui si realizza l’Unità d’Italia: il vino scelto per accompagnare il pranzo celebrativo dell'unificazione d'Italia ufficiale è il Barolo di Borgogno.

  • Boscarelli

    Il cuore della famiglia De Ferrari Corradi: Paola, Luca e Nicolò De Ferrari Corradi. Chi siamo.
    “Siamo genovesi, profondamente legati alle radici della famiglia, e determinati. Negli anni la nostra vita si è spostata progressivamente in Toscana, dove oggi viviamo cercando anzitutto di fare al meglio il nostro mestiere. Siamo giunti in questo meraviglioso angolo di Toscana affrontando percorsi di vita coraggiosi. Oggi Cervognano abbraccia interamente le nostre vite. A Cervognano di Montepulciano abbiamo trovato una nuova dimensione”.

  • Botran Distilleria

    Ron Botran è una linea di rum dal Guatemala distillate dalla Industrias Licoreras de Guatemala, la stessa distilleria che produce la linea di rum Zacapa. I sei rum Botran sono Etiqueta Blanca, Anejo Oro, Anejo 8, Anejo 12, Solera 1893 e XL. Ron Botran è stato fabbricato in Quetzaltenango, Guatemala.

  • Bowmore whisky Distilleria

    Fondata nel 1779, la distilleria Bowmore è la prima registrata ad Islay e una delle più antiche dell’intera Scozia. I malti di questa piccola isola sono famosi per la loro caratteristica torba affumicata e Bowmore non fa eccezione: il loro malto viene infatti trattato in una fornace seguendo quella stessa tradizione iniziata dai primi mastri distillatori, oltre due secoli fa. 

  • Braida

    Tutto ebbe inizio con un soprannome, “Braida”, che il bisnonno Giuseppe Bologna si guadagnò su piazze e sagrati giocando la domenica a pallone elastico, tipico sport piemontese. Giacomo Bologna ereditò dal padre vigna e soprannome, ma soprattutto l’amore incondizionatoper la terra e per il vino.

  • Brancaia

    Era il 1981 quando i coniugi svizzeri Brigitte e Bruno Widmer si innamorarono di Brancaia, casale in completo stato di abbandono non lontano da Castellina in Chianti, e lo acquistarono. Da allora il loro è stato un percorso di continua crescita capace di abbracciare anche altre importanti province toscane, sempre caratterizzato da una totale ricerca della qualità.

    0 products

  • Brockmans

    La creazione di Brockmans ha richiesto le diverse competenze di un gruppo di amici molto esperti e dedicati. La cosa che li ha uniti è stato un fascino duraturo con questo spirito eccitante ed esotico. La loro conoscenza della storia del gin e le sottili sfumature di diversi stili di gin e distillazione si è rivelata utilissima quando si sono prefissati di creare un gin che era completamente nuovo e originale. Un unico obiettivo era quello di creare un gin come nessun altro; uno che era così intensamente liscio e delizioso che si sarebbe felicemente bevuto sopra al ghiaccio.

    0 products

  • Brugal

    Il legame tra la famiglia Brugal e la Repubblica Dominicana inizia 5 generazioni fa, nel 1888, con la fondazione della distilleria ad opera di Don Andres. Oggi come allora, la famiglia è impegnata nella produzione del ron che vede tutto il suo ciclo di produzione avere luogo sul territorio dominicano: dalla selezione della materia prima all’imbottigliamento.

  • Bruno Giacosa Casa vinicola Falletto

    L'Azienda Agricola Falletto, con i suoi venti ettari di vigneti di proprietà nei comprensori di Serralunga d'Alba, La Morra e Barbaresco. La realizzazione di un progetto fortemente voluto per il controllo completo del processo produttivo, che viene concluso con la vinificazione e l'affinamento nelle nostre cantine di Neive.

  • Bruno Rocca

    Bruno Rocca rappresenta, per tutti gli appassionati di grandi vini rossi piemontesi, sinonimo di successo e qualità; presente sin dal 1834 a Barbaresco, è una realtà che mantiene un legame speciale con questa zona, e, in particolar modo, con uno dei cru più importanti e blasonati a livello internazionale per la produzione di Barbaresco, il Rabajà. 

    0 products

  • Bruxo

    BRUXO nasce dalla volontà di tre giovani messicani di onorare il proprio Paese producendo un distillato magico e affascinante, profondamente legato alle tradizioni e ai luoghi dei loro avi: il Mezcal.

  • Buffalo Trace

    Il Kentucky Straight Bourbon Whiskey viene prodotto da Buffalo Trace Distillery, antica distilleria del Kentucky. Si tratta della classica tipologia di bourbon whiskey, che segue i metodi tradizionali che la distilleria tramanda da oltre 200 anni.

    0 products

  • Cà dei Frati Azienda agricola

    L’azienda Ca’ dei Frati è nota sin dal 1782 come attesta un documento che si riferisce “di una casa con cantina sita in Lugana nel tener di Sermione detta il luogo dei Fratti”. Era il 1939 quando Felice Dal Cero, figlio di Domenico già viticoltore in Montecchia di Crosara, nel veronese, si trasferiva proprio in quella casa, in Lugana di Sirmione intuendo fin da subito l’alta vocazione vitivinicola della zona. 

  • Ca' Del Bosco

    Gli uomini, come le terre, hanno una vocazione. È stato così che un ragazzo di una quindicina d’anni ha avuto la folgorante intuizione di quale sarebbe potuta essere una vita vissuta alla luce della sua realizzazione. 

  • Ca' Viola

    A Dogliani Beppe e Simonetta non trasferiscono solo la cantina: inventano un complesso in cui produzione, consulenza e accoglienza possono coesistere in armonia, uniti dalla medesima filosofia della semplicità e dell'eccellenza. Dalle colline dei lupi a Dogliani, e di qui fino al Barolo. Tanta strada è stata fatta, tanta ne resta da percorrere. Intanto è arrivato il piccolo Mattia. Il futuro è già iniziato.

  • Campari

    Gruppo Campari, fondato nel 1860, è un’azienda leader nell’industria globale del beverage di marca, con un portafoglio di oltre 50 marchi premium e super premium che si estende dal core business degli spirit wine e soft drink. Il Gruppo è sesto per importanza nell'industria degli spirit di marca, e i nostri prodotti sono commercializzati e distribuiti in oltre 190 paesi nel mondo

    0 products

  • Canasuc Paris

    Gli zuccheri Canasuc rinnovano la pausa caffè con eleganza e originalità, trasformando un prodotto standard, lo zucchero, in un oggetto di emozione.

  • Caol ila whisky Distilleria

    Caol Ila è un whisky che viene prodotto in Scozia nella parte settentrionale dell'isola di Islay dall'omonima Caol Ila Distillery. La produzione di whisky è una delle attività principali dell'isola come il turismo. In tutta l'isola ci sono 8 distillerie che producono, al Nord Bowmore, Bruichladdich, Bunnahabhain e Caol Ila; mentre le distillerie del Sud dell'isola producono un whisky con un sapore più intenso come Ardbeg, Lagavulin e Laphroaig.

  • Caorunn Gin

    Caorunn è un piccolo lotto di Gin scozzese da quadrupla-distillazione personalmente realizzato da un uomo - Gin Master, Simon Buley. Utilizzando solo il migliore spirito ottenuto da grano puro, acqua naturalescozzese e 11 ingredienti botanici del gin, Simon ha controllato personalmente ogni singola bottiglia di Caorunn.

  • Capannelle

    Capannelle azienda vinicola di Gaiole in Chianti (Siena) si estende per circa venti ettari di cui 16 di vigneto e produce circa 80.000 bottiglie di vino all'anno.
    Proprietario dell'azienda é James B.Sherwood, fondatore ed azionista del gruppo Orient - Express Hotels LTD., proprietari di alcuni degli hotel più belli al mondo, tra i quali l'Hotel Cipriani a Venezia, l'Hotel Splendido a Portofino, Villa San Michele a Firenze, Hotel Caruso a Ravello e molti altri.

  • Caparzo

    Ancora oggi si sperimentano innovativi sistemi di allevamento ed, in particolare, diverse selezioni clonali nei terreni di proprietà, che si estendono su una superficie di circa 200 ettari, 90 dei quali coltivati a vigneto, 4 a oliveto, 87 a bosco e 19 attualmente a seminativo e resedi.

    0 products

  • Cape Mantelle

    Oggi Cape Mentelle, come parte del Estates & Wines (di proprietà di Moët Hennessy Louis Vuitton), continua a costruire sulle sue solide fondamenta.
    L'azienda prende il nome dal vicino Capo, chiamato dai francesi 'Baudin Expedition', che ha tracciato la costa del Western Australia nel 1801. Hanno chiamato il Capo dopo due scienziati francesi notevoli, geografo Edmund e suo fratello cartografo Francois-Simon Mentelle, che vissuto a Parigi nei primi anni del 1700.

  • Capichera

    La cantina Capichera rappresenta senz’altro un punto di riferimento nel panorama vitivinicolo della Sardegna. A guidarla oggi è il carismatico Fabrizio Ragnedda, un bravo vignaiolo dalle idee molto chiare: “Entriamo in vigna, vediamo la pianta e il terreno perché il vino è nasce lì, non in cantina; se invece il vino nasce in cantina risponde alla filosofia del consumatore, non a quella del vivere".

  • Capovilla Distillati

    Il suo nome è Vittorio, i più affezionati lo chiamano Gianni, ma per tutti è il Kaiser. Parliamo di Vittorio Capovilla, il maestro dei distillati, l'uomo che dell'eccellenza della materia prima e della purezza dei distillati ne fa ragion di vita. La sua distilleria è collocata in alcuni locali dietro la Villa Dolfin, imponente costruzione del 1700 dislocata a Rosà (Vi), la strada che vi conduce è sterrata, niente insegne o indicazioni, ma nessun problema: in periodo di distillazione è sufficiente seguire a naso le esalazioni etiliche, altrimenti basta chiedere al primo passante, Capovilla è un'istituzione!

  • Carlo Hauner azienda agricola

    Il nome di Carlo Hauner rappresenta un assoluto punto di riferimento per le isole Eolie. Dopo 40 anni, l’azienda fondata dal designer originario di Brescia è diventata una certezza per l’intero panorama vitivinicolo siciliano e nazionale. Oltre al meraviglioso lavoro svolto sulla Malvasia delle Lipari, grazie all’omonima selezione che rimane uno degli esempi più brillanti della sua tipologia, è l’intera produzione a regalare intense emozioni, tracciando in ogni vino un profumo organolettico estremamente affascinante e caratteristico della terra in cui nasce. Le etichette prodotte sono un chiaro segnale dell’ottimo lavoro che la cantina sta facendo, rispecchiando fedelmente i dettami del territorio.

    0 products

  • Caroni Distilleria

    La leggendaria distilleria Caroni ha chiuso nel 2002, dopo un lungo periodo di produzione iniziato a Trinidad fin dal 1918, lasciando Angostura come unica distilleria attiva sull’isola. Le riserve di questo superbo rum sono diventate particolarmente ambite dagli imbottigliatori indipendenti per il carattere ricco e speziato, dando luogo ad una vera e propria caccia al tesoro per accaparrarsi i vecchi barili. Rum Nation, nasce nel 1999 dopo aver raccolto tutta l’esperienza maturata in anni di ricerca, di rigorosa selezione, di accurate degustazioni fra il Tropico del Cancro e l’Equatore. Il risultato è un assortimento di singole provenienze in quantità limitate, veri e propri cru, unici ed indimenticabili.

    0 products

  • Caruso & Minini

    L’azienda agricola che oggi porta il nome di Terre di Giumara, nasce alla fine del XIX secolo su iniziativa di Antonino Caruso, negli anni in cui il flagello della fillossera era stato appena sconfitto e la viticoltura marsalese stava faticosamente rinascendo.
    Le terre scelte da Antonino e da suo figlio Francesco risultarono naturalmente elette alla produzione di uve di alta qualità particolarmente apprezzata dagli stabilimenti enologici marsalesi.

  • Case Basse Soldera

    Nell’areale sud-ovest di Montalcino si incontra la tenuta Case Basse, estesa su una superficie di 23 ettari complessivi e appartenente dai primi anni ’70 a Gianfranco Soldera e alla moglie Graziella. Mossi sin da subito dall’intento di produrre un Brunello di altissimo pregio, Gianfranco e Graziella hanno messo in piedi un progetto basato su profonde convinzioni, in cui la natura e l’ecosistema rappresentano i due capisaldi indiscutibili. Partendo da ciò, cultura e antiche tradizioni si sposano con innovazione e ricerca, arrivando a creare un binomio inscindibile, che si ritrova tanto in vigna quanto in cantina. 

    0 products

  • Castelfeder

    L’azienda vinicola Castelfeder é stat fondata nell’ anno 1970 da Alfons Giovanett, che a quella data aveva già parecchi anni di esperienza enologica alle spalle. Nel 1989 il figlio Günther assume la direzione dell’azienda e contemporaneamente avviene il trasferimento della struttura di vinificazione da Egna a Cortina s.s.d.Vino, piccolo paese con antiche tradizioni viticole.

  • Castello Banfi

    La storia di una delle più famose cantine italiane ha inizio nel 1978 quando i fratelli italoamericani John e Harry Mariani iniziano a Montalcino un progetto su larga scala, integrando una produzione viticola di qualità con una cantina all’avanguardia. Un approccio completamente nuovo, in seguito imitato da molti, che aveva come obiettivo quello di mantenere sempre altissimo il livello qualitativo dei vini prodotti. A fianco della famiglia Mariani, Ezio Rivella, uno dei più grandi enologi italiani, il quale ritenne subito che per la ricchezza della natura del suolo e la privilegiata posizione microclimatica la produzione avrebbe potuto eccellere nel panorama toscano dell’epoca. 

    0 products

  • Castello del Terriccio

    La moderna storia del Terriccio ha inizio nel primo dopoguerra, quando la Tenuta viene acquisita dai conti Serafini Ferri, famiglia d’appartenenza dell’attuale proprietario. Con gli importanti interventi di miglioramento fondiario realizzati negli anni venti, i Serafini Ferri portarono l'azienda ad una fisionomia molto vicina a quella attuale. Fino agli anni settanta la Tenuta era ancora conosciuta prevalentemente per l'attività cerealicola, al punto da conquistare il record europeo di produzione del granturco in secondo raccolto. Questa specializzazione è rimasta ancora oggi - con una attenzione particolare per la coltivazione biologica di farro, frumento, foraggio e ulivi - ma nel tempo è stata superata in notorietà ed importanza dalla coltivazione di vigneti destinati alla produzione di vini pregiati: dai 25 ettari vitati nel 1980 si è passati infatti agli attuali 60.

  • Castello Della Sala

    Il Castello della Sala venne costruito nel 1350 per Angelo Monaldeschi della Vipera, la cui famiglia era giunta in Italia al seguito di Carlo Magno nel IX secolo. Dal 1300 i membri della famiglia si osteggiarono per il controllo di Orvieto, e le lotte per la supremazia divennero così intense che nel 1337 Angelo ed i suoi tre fratelli crearono ognununo un clan feudale, adottando differenti nomi: il maggiore si chiamò della Cervara, un altro del Cane ed il terzo dell'Aquila; ed Angelo, che probabilmente era il più bellicoso, della Vipera.

  • Castello delle Regine

    La proprietà si estende per  400 ettari attorno alla fortificazione denominata Castelluccio Amerino che domina la vallata indicata nei secoli come “Valle delle Regine” tra i comuni di Narni ed Amelia, splendidi borghi di antica storia etrusca, romana e medioevale. La costruzione faceva parte della linea di fortificazioni edificate in luoghi strategici a controllo delle valli umbre da sempre percorse per raggiungere Roma dal nord. Dal 1500 i possedimenti e i terreni sono stati feudo di diverse famiglie patrizie del luogo, subendone le alterne vicende,  finché l’attuale proprietà ha ricostituito ed ampliato l’azienda, ripristinandone l’antica vocazione alla cultura della vite e dell’ulivo e puntando ad ottenere produzioni di massima qualità nel completo rispetto dell’ambiente. La filosofia è “ il miglior vino dalla migliore terra”, assicurando che ogni passaggio, dalla produzione dell’uva alla vinificazione, impieghi tecniche naturali. La raccolta viene fatta a mano.

  • Castello di Ama

    Ama prende il nome da un piccolo borgo posto sulle colline a quasi 500 metri sul livello del mare. Cinque secoli fa intorno ad esso fioriva l’attività agricola e la produzione di vino curata da un gruppo di famiglie dell’epoca. “Da Radda si andò a Amma distante tre miglia sopra un poggio; vi sono le case Pianigiani, Ricucci e Montigiani che sono le più forti del Chianti e vivono veramente da gente ricca di campagna, spendono tutto il suo in coltivazioni e vigne e badano da per sé agli effetti. Intorno al Castello di ama vi sono le colline e valli le più belle di tutto il Chianti, coltivate a maraviglia con terreni fertili a grani, ulivi e vigne bellissime”, scriveva, nel Settecento, il granduca Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena nella sua Relazione sul governo della Toscana. La sua visita è ricordata in una targa d’epoca posta su uno dei palazzi del borgo, che sono oggi di proprietà dell’Azienda CASTELLO DI AMA creata negli anni settanta del secolo scorso, da un gruppo di famiglie di diversa origine che cedettero al fascino del luogo e presero a sfida l’obiettivo di riportare Ama agli splendori del passato e a produrre un Chianti Classico degno di competere con grandi vini delle zone più blasonate del mondo.

  • Castello di Fonterutoli - Mazzei

    Il borgo di Fonterutoli, antico baluardo fiorentino, a pochi chilometri da Castellina in Chianti, gode di una straordinaria vista su Siena, tanto vicina da poter distinguere la Torre del Mangia e la sagoma del Duomo. La secolare appartenenza ai Marchesi Mazzei ha preservato pressoché immutate le poche case, la chiesa di San Miniato e la villa, sorta alla fine del 1500 al posto del castello fortificato. Qui il tempo si è fermato conservando il fascino del Medioevo. La leggenda del Gallo Nero porta a Fonterutoli: nel 1202 e 1208 Fonterutoli fu sede di due trattati di pace tra Firenze e Siena che assegnarono ai fiorentini il territorio del Chianti. Una leggenda popolare narra una divertente storia: nei primi anni del XIII secolo le due città, logorate dalla guerra per il Chianti, decisero di affidare la definizione del confine al punto d’incontro tra due cavalieri provenienti ciascuno dalla propria città con partenza al primo canto del gallo. I fiorentini si affidarono ad un galletto nero che, lasciato senza cibo, lanciò il suo grido ben prima dell'alba, consentendo al cavaliere fiorentino di partire con grande vantaggio e percorrere molta strada prima dell’incontro, avvenuto proprio a Fonterutoli. Da allora Firenze portò il proprio confine a Fonterutoli sulla linea di Castellina, Radda e Gaiole e costituì la Lega Militare e Amministrativa del Chianti assumendo come emblema il Gallo Nero.

  • Castiglion del Bosco

    2013: La tenuta celebra il decimo anniversario della nuova proprietà. Il Borgo viene riconosciuto tra i resort migliori e più esclusivi in Italia. I vini sono sempre più apprezzati per la loro qualità e distribuiti con successo in gran parte del mondo.

  • Cataldi Madonna Azienda agricola

    Montepulciano, Pecorino e Trebbiano sono i vitigni autoctoni e tradizionali tra i 320 e i 440 metri di altitudine. Forti escursioni termiche permettono di conservare l’aromaticità delle uve, che dal 2016 sono state certificate biologiche. L’attività vitivinicola inizia nel 1920, tre generazioni fa, e l’imbottigliamento nel 1975. 

  • Cavalchina Azienda Agricola

    L'Azienda Agricola Cavalchina nasce agli inizi del secolo scorso con l'acquisizione del primo nucleo di vigneti , la cantina fu costruita successivamente ed in parte fu destinata a distilleria di vinaccia, impianto che rimase in attività fino al 1967.Il fatto storico più importante legato all'Azienda Agricola Cavalchina nell'ambito vitivinicolo è senz'altro l'invenzione del Custoza, nel senso che la Cavalchina nel 1962 fu la prima a chiamare Custoza il vino bianco della zona, ottenuto dai vitigni di Fernanda, Trebbiano e Garganega e a portare questo vino ad affermarsi nei mercati, allora più importanti, come Roma e Milano.

    0 products

  • Cavalleri Franciacorta

    I Cavalleri possedevano terreni in Erbusco già nel 1450, come dimostrato da un atto notarile custodito in azienda nell’archivio di famiglia. Nello stesso archivio è conservato l’atto di acquisto in data 1842 del vigneto Rampaneto, ancor’oggi cru dell’azienda, ed il progetto riguardante la divisione dell'eredità (1904) del Nob. Cav. Giuseppe Paolo Cavalleri tra i suoi figli, Avv. Attilio e Avv. Giovanni. Tale atto evidenzia una struttura di cantina atta ad una produzione già importante per l’epoca, anche se fino al 1967, anno del riconoscimento della DOC Franciacorta, i vini bianchi e rossi prodotti venivano commercializzati sfusi. Dopo l’avvento del disciplinare, si iniziò ad imbottigliare: sono del 1968 le prime bottiglie di vino etichettate e nello stesso anno l’azienda assunse l’attuale denominazione “Gian Paolo e Giovanni Cavalleri”.

  • Cecchi dal 1893

    Dal 1893 il marchio Cecchi è sinonimo di viticoltura in Italia e nel mondo.
    La storia dell’azienda è un bellissimo racconto di famiglia scandito da passione, dedizione alla terra e brillante spirito imprenditoriale. Forte dell’esperienza viticola maturata in più di cento anni di amore per la campagna, oggi la famiglia Cecchi affronta le sfide future con lo stesso entusiasmo di sempre.

  • Centre Vinicole - Champagne Nicolas Feuillatte

    La Centre Vinicole – Champagne Nicolas Feuillatte (CV-CNF), nota con il marchio Nicolas Feuillatte, è una delle più grandi case produttrici di champagne del mondo, con sede a Chouilly, nella regione della Champagne-Ardenne.

    0 products

  • Ceretto Azienda Agricola

    Per tutti Ceretto è soprattutto sinonimo di straordinari vini rossi e pure bianchi, vigneti di proprietà, qualità, cantine dalle geometrie moderne, design, ma quando si va più a fondo si scoprono altri mondi dove la terra d'origine della famiglia, il Piemonte e, soprattutto, le colline di Langa e i suoi preziosi e rari prodotti sono protagonisti principali. 

  • Charles Heidsieck

    Nel 1851, il giovane Charles Heidsieck fondò una propria casa Champagne a Reims. Capì che gli Stati Uniti erano un importante mercato emergente, così attraversò l' America ripetutamente da Nord a sud, promuovendo il suo nuovo marchio. L'imprenditore, elegante, divenne noto amorevolmente come "Champagne Charlie".

    0 products

  • Chartogne-Taillet

    Chartogne-Taillet è un piccolo produttore di Champagne che ha vigne e cantina a Merfy, villaggio a Nord-Ovest di Reims, proprio dove, nel IX secolo, i monaci dell'Abbazia di Saint Thierry avevano potenziato la coltivazione della vite e prodotto vini per i re di Francia. La storia della Maison Chartogne-Taillet a Merfy ha inizio nel lontano 1485 da un tale Fiacre Taillet, capostipite; nel 1700 un altro Fiacre Taillet inizia a tenere un diario sulla sua vita e sugli avvenimenti politici e culturali della regione; oggi il giovane Alexandre Chartogne-Taillet, attuale proprietario, continua a mantenere in vita e ad aggiornare questo diario.

  • Chartreuse

    La chartreuse è un liquore prodotto dai monaci certosini nelle cantine della certosa di Voiron nel dipartimento dell'Isere nella Francia. È chiamato così dal monastero della Grande Chartreuse dove era prodotto in origine, situato nelle prealpi della Chartreuse. Oggi il liquore è prodotto in una fabbrica nei pressi di Voiron, sotto la supervisione dei monaci del monastero.

  • Chàteau De Pez

    Château de Pez, ad ovest del comune di Saint-Estèphe, insieme a Calon Ségur si combatte il titolo per i più antichi vigneti di Bordeaux. I suoi 39 ettari adiacenti godono esposizioni ideali sulle colline attorno al castello stesso. Grazie ai continui investimenti, Château de Pez è stato accuratamente ristrutturato da quando è stata acquistata dalla Casa di Louis Roederer nel 1995. Oggi questa grande Cru Bourgeois è riportato al suo antico splendore e riprende il suo posto sotto i riflettori come una delle stelle lucenti di Saint-Estèphe.

  • Chàteau Du Breuil

    In Normandia, nella fresca pianura di Pays d’Auge, sorge Château du Breuil, acquistato nel 1954 da Philippe Bizouard, proveniente da una famiglia che da sempre distilla Calvados. Classificato come monumento storico, Château du Breuil, dopo essere stato completamente restaurato dal suo nuovo proprietario, ha visto trasformarsi le dépendance, denominate “orangerie”, in vere e proprie cantine, che oggi ospitano il Calvados per la fase di invecchiamento. 

    0 products

  • Chateau Guiraud

    "La nobile casa di Bayle" usato per indicare il nome della tenuta quando appartenne alla famiglia Mons Saint-Poly. Un atto notarile datato 22 febbraio 1766 rivela che Pierre Guiraud, un mercante di Bordeaux di fede protestante, la comprò per 53.000 livres. Alla sua morte nel 1799 gli succedette suo figlio Louis. E ' stato sotto Louis Guiraud che la tenuta è stata salvata da una grave svalutazione che era iniziata nel 1793, diventando un famoso château ben noto per il suo vino. Alla sua morte nel 1837, suo figlio Pierre-Aman ereditò una proprietà ben consolidata, con un valore stimato a 250,00 livres. All'interno di 80 anni e tre generazioni, varie famiglie si avvicendarono come proprietari della tenuta. La leggenda nasce nel 1855, quando Château Guiraud è diventato un Premier Grand Cru de Sauternes. Durante una cena all'inizio del 2006, Robert Peugeot, un industriale e tre produttori di vino, Olivier Bernard di Domaine de Chevalier, Stephan Von Neipperg del Château Canon La Gaffelière e Xavier Planty, direttore della tenuta, ha deciso di acquistare Guiraud. Hanno firmato un contratto di acquisto il 20 luglio 2006 quindi hanno riunito la loro comune passione per il vino, gastronomia, natura e caccia.

  • Chàteau Haut Brion

    Chàteau Haut Brion fu uno dei quattro Chàteau bordolesi ad essere classificato come Premier Cru nella classificazione dei Vini di Bordeaux del 1855 ( quella promossa da Napoleone III ) e , in particolare , l'unica della zona del Graves , poiché gli altri tre Premier Cru erano tutti della zona Medòc : Chateau Lafite Rotschild , Chateau Latour e Chateau Margaux. Lo Chateau Haut Brion si trova nella zona del Graves , nella regione del Bordeaux. In particolare si trova nel comune di Pessac , nel dipartimento della Gironda , tanto che la denominazione si chiama Appellation Pessac-Léognac Controlée.

    0 products

  • Chàteau Lafite Rothschild

    La tradizione vinicola della famiglia Rothschild risale al 1868, anno in cui James de Rothschild acquistò il famoso Château Lafite. Fu però nel 1973 che, dopo più di un secolo di storia familiare connessa al mondo del vino, il pronipote di James, il barone Edmond de Rothschild, rafforzò le proprietà aziendali, acquisendo due “Crus Bourgeois” a Listrac e Moulis en Médoc: Château Clarke e Château Malmaison. 

    0 products

  • Chàteau Lafleur Gazin

    La forza commerciale dominante nel Pomerol e Saint Emilion è la società negociant di Jean-Pierre Moueix. Possiedono ungruppo di aziende vinicole principali, e dispone di diritti di distribuzione in esclusiva per un'ulteriore selezione e hanno lavorato assiduamente per promuovere le luci minori della regione e le sue denominazioni associate.

    I nomi di fama mondiale come il Château Pétrus, Trotanoy, Magdelaine, Lafleur e caratteristica Lafleur Petrus nel loro portafoglio, ma una delle proprietà meno nota è La Fleur Gazin, situata in modo appropriato tra i due pesi massimi in Lafleur e Gazin.

  • Chateau Lamothe Guignard


    Questo "Grand cru classé" si siede su una delle colline più alte di Sauternes e domina la valle del fiume Ciron. Così, è stato denominato Lamothe-d'Assault fino al 1814. Questo vigneto ha avuto una storia travagliata, con molti proprietari diversi. Viene anche suddivisa in numerose aziende. La più grande parte è stata acquisita da Philippe e Jacques Guignard nel 1981.

  • Chàteau Latour

    Chateau Latour è per i Bordeuax quello che Chateau d'Yquem è per i Sauternes : la perfezione , il modello verso cui tendere. Insieme allo Chateau Lafite Rotschild e allo Chateau Margaux fu uno dei tre produttori del Medòc che ottenne la denominazione Premier Cru nella classificazione dei Vini di Bordeaux del 1855

    0 products

  • Chàteau Les Justices Medeville

    Il Château Les Justices, nato dall’unione di 8% Sauvignon, 88% Sémillon e 4 % Muscadelle, è gentilmente fruttato e può invecchiare molti anni. Viene vinificato secondo il metodo tradizionale dei Sauternes: la fermentazione in tini è seguita dall’élévage in barriques nuove per limitare al massimo l’influenza che il legno ha sul vino. La cauterizzazione interna della botte viene, infatti, dosata in modo che l’apporto dei tannini e delle sostanze aromatiche del legno sia molto ridotta.

  • Chateau Magdelaine

    Quando il 2012 St. Emilion ha annunciato la nuova riclassificazione, i proprietari di Chateau Magdelaine, Ets. Moueix, hanno dichiarato che il 2011 sarebbe stato sarebbe stata l'ultima annata per la proprietà. Da quel punto in avanti, la vigna di Chateau Magdelaine venne incorporata nella loro altra proprietà nella denominazione, Chateau Belair-Monange. Chateau Magdelaine risale almeno al 18° secolo quando era di proprietà della famiglia Chatonnet. Agli inizi del 1950, Magdelaine era caduto in uno stato di abbandono nelle strutture di vinificazione e le loro vigne St. Emilion. A quel punto, la tenuta è stata messa in vendita. E 'stata acquisita nel 1952 da Ets Jean-Pierre Moueix che ne ha ripiantato i vigneti e modernizzato la vinificazione.

    0 products

  • Chàteau Margaux

    Château Margaux, arcaicamente La Mothe de Margaux, è una tenuta di vino di Bordeaux, ed era uno dei quattro vini per raggiungere lo Status di Bordeaux Premier Cru (prima crescita) nella Classificazione del 1855. I migliori vini della tenuta sono molto costosi. La tenuta si trova nel comune di Margaux sulla riva sinistra della foce della Garonna nella regione del Médoc, nel dipartimento della Gironda, e il vino è delimitata al COA di Margaux.L'azienda produce anche un secondo vino di nome Pavillon Rouge du Château Margaux, così come un vino bianco secco di nome Pavillon Blanc du Château Margaux che non è conforme alle direttive della denominazione Margaux.

    0 products

  • Chateau Minuty

    Château Minuty, sulle colline di Gassin è un’importante produttore di vini rosati della Côte de Provence la cui fama attraversa le frontiere. La tenuta è oggi diretta dalla terza generazione della famiglia Matton-Farnet, molto legata alle antiche tradizioni e al rispetto delle terre.

  • Chàteau Mouton Rothschild

    Château Mouton Rothschild è un'azienda vinicola situata nel villaggio di Pauillac nel Médoc, a 50 km a nord-ovest della città di Bordeaux, Francia. Il suo vino rosso con lo stesso nome è considerato come uno dei più grandi vini del mondo. Originariamente conosciuto come Château Brane-Mouton, è stato rinominato da Nathaniel de Rothschild nel 1853 a Château Mouton Rothschild. Nel 1920 ha iniziato l' imbottigliamento della vendemmia nella tenuta stessa nel 1924, piuttosto che la spedizione del vino ai commercianti per l'imbottigliamento altrove. Il ramo della famiglia Rothschild che possiede Mouton Rothschild sono membri del Primum Familiae Vini.

    0 products

  • Chàteau Palmer

    Chateau Palmer, è una cantina nella  Denominazione di Origine Controllata Margaux della regione francese di Bordeaux. Il vino prodotto qui, è stato classificato come uno dei quattordici Troisièmes Crus nella storica Bordeaux Wine Official Classification del 1855. La struttura è situata nei comuni Margaux e Cantenac, e il suo vino è considerato come uno dei due più popolari Troisièmes Crus.

    0 products

  • Chàteau Petrus

    Pétrus è un vino della regione viticola di Pomerol vicino a Bordeaux. Sebbene i suoi vini non abbiano mai partecipato ad alcuna classificazione, Pétrus è considerato uno dei grandi bordeaux allo stesso livello che i grandi cru del Médoc, Pessac-Léognan e Saint-Émilion.
    In origine proprietà della famiglia Arnaud, la proprietà fu parzialmente acquistata da Mme Loubat, di Libourne nel 1925 e nel 1945 divenne unica proprietaria. Per far concorrenza ai grandi vini del Médoc, Mme Loubat si mise all'opera per sfruttare al massimo le potenzialità del suo terreno. Nel 1961, Mme Lacoste et M. Lignac, nipoti di Mme Loubat, ereditarono la proprietà. Qualche anno più tardi, M. Lignac cedette la sua quota al negoziante Jean-Pierre Moueix, che si diede molto da fare per il prestigio internazionale dei suoi vini (specialmente facendolo conoscere alla famiglia Kennedy). Dal 2001, la proprietà appartiene a suo figlio Jean-François Moueix ed è Christian Moueix, l'altro figlio, che cura la gestione. Il vino è elaborato dall'enologo Olivier Berrouet.

    0 products

  • Château Pichon Longueville Comtesse de Lalande

    Château Pichon Comtesse un tempo era parte della più ampia tenuta Pichon, di proprietà di Pierre de Rauzan, insieme a quello che oggi è Château Pichon Longueville Baron. Nel 1850, la tenuta è stata divisa nelle due tenute Pichon attuali. Nel 1925, Château Pichon Longueville Comtesse de Lalande è stato acquistato da Edouard Miailhe e Louis Miailhe. La figlia di Edouard Miailhe, maggio Eliane de Lencquesaing (nato nel 1926), in seguito divenne il proprietario e responsabile della proprietà. Nel 2006, de Lencquesaing ha venduto una quota di maggioranza nel castello alla famiglia Rouzaud, che possiede anche la casa di Champagne Louis Roederer.

  • Chateau Rieussec

    Classificato "Premier Grand Cru" nel 1855, Rieussec ha tenuto la sua reputazione e la qualità del suo vino, negli anni difficili che le proprietà Sauternes hanno attraversato. Albert Vuillier, che ha assunto nel 1971, ha prestato particolare attenzione allo sviluppo del vigneto e spinto lo standard dei vini prodotti al livello più alto. Questa politica ha pagato dividendi, poiché negli ultimi anni, Rieussec ha ricevuto un plauso particolare da numerose degustazioni di "Premier Cru" di Sauternes. Nel 1985, desideroso di consolidare la posizione di Rieussec, Albert Vuillier è entrato in partnership con Les Domaines Barons de Rothschild (Lafite) per andare ancora oltre nella ricerca sfuggente per la perfetta Sauternes.

  • Cheval des Andes

    Cheval des Andes è la joint venture tra Château Cheval Blanc, Premier Grand Cru Classé A di Saint-Emilion, e Terrazas de los Andes. In origine, Pierre Lurton, presidente di Château Cheval Blanc, ha cercato uno speciale terroir internazionale in cui applicare lo storico taglio bordolese francese. Cheval des Andes è l'espressione argentina di Château Cheval Blanc, Premier Grand Cru Classé A di Saint-Emilion, che trascende l'origine nazionale e convalida delle credenziali dell'Argentina come produttore di vino icona insieme con le credenziali di vinificazione di Cheval Blanc. Più di 50 anni di tradizione vinicola francese in combinazione con il terroir diTerrazas de los Andes.

  • Christian Drouin

    Tra le tre denominazioni per il calvados , “Calvados Pays d'Auge" non è solo la più antica, è anche riconosciuta come la più pregiata. Fatta da una doppia distillazione, calvados Pays d'Auge possiede un gusto morbido e corpo. La storia di calvados Drouin iniziò intorno al 1960. Non c'era nulla che indicava che Christian Drouin l'anziano, un industriale di Rouen, era destinato a fare una carriera negli spiriti. Nulla, cioè, a parte il suo gusto per il buon cibo e buon vino. Quando ha comprato una fattoria in Gonneville ha deciso di utilizzare i frutteti di mele da sidro per la produzione di calvados. I suoi obiettivi erano semplici: produrre uno spirito di alta qualità, il migliore.

  • Chugoku Jozo

    Un'azienda che sfida se stessa per raggiungere nuove vette creative nella realizzazione di alcolici. Abbiamo una prospettiva globale e una passione grazie alla quale possiamo fornire prodotti attraenti e servizi di alta qualità che soddisfino le richieste contemporanee, continueremo a contribuire alla società e sfidare noi stessi per fare nuove creazioni.

    0 products

  • Ciacci Piccolomini

    La Tenuta Ciacci Piccolomini d'Aragona, ubicata a sud ovest nel comune di Montalcino, si estende nelle immediate vicinanze del borgo medioevale di Castelnuovo dell'Abate e della famosa abbazia romanica di S. Antimo risalente al XI° sec. D.C. Disposta su una vasta area di 170 ettari , tra vigneti, oliveti, seminativi, pascoli e boschi possiede le caratteristiche tipiche della campagna toscana adorna di dolci colline e colori indimenticabili. Incastonata tra il Poggio d'Arna ed il fiume Orcia che delimita i confini ad est, offre un panorama unico delimitato sullo sfondo dal tipico profilo del Monte Amiata. I profumi, la fauna selvatica ed i casali sparsi a valle fanno poi da cornice naturale alla tranquillità di questi luoghi.

    0 products

  • Ciroc Distilleria

    A differenza di molte altre vodka, che sono prodotte da grano, Cîroc ultra-premium vodka è un distillato da uve sane francesi, e senza glutine; un processo ispirato da oltre un secolo di esperienza e dalla maestria di vinificazione. Si tratta di uve sane francesi e  quintupla distillazione presso la storica Distilleria de Chevanceaux nel sud della Francia che danno Cîroc Ultra-Premium Vodka un sapore caratteristico con un gusto eccezionalmente fresco di agrumi. 

  • Citadelle Gin

    Nel 1775, Louis XVI autorizzò due francesi visionari, Carpeau e Stival, ad aprire una distilleria rendendo genièvre presso la Citadelle in Dunkerque, che divenne la distilleria reale con un privilegio esclusivo di 20 anni. I due fondatori avevano 12 alambicchi del pot di rame tradizionale fatti per la distilleria, ufficialmente la prima del suo tipo in Francia. Nel 1989, il gin era purtroppo diventato uno spirito industriale e in alcuni casi aveva perso la sua ex complessità e raffinatezza. Fu in questo periodo che Alexandre Gabriel ha deciso di fare un gin artigianale, distillato in alambicchi di rame piccoli secondo le stesse tecniche utilizzate due secoli prima. Dopo diversi anni di ricerche attraverso vecchi dischi e file nelle Fiandre e poi sviluppare un programma moderno per distillare gin presso la distilleria di Maison Ferrand, Alexandre Gabriel e il suo maestro distillatore riuscivano a creare un gin in bottiglia sotto il nome di Citadelle nello stile dell'originale dopo che non era stato prodotto per più di un secolo. Citadelle gin è ora prodotta nel sud-ovest della Francia, il luogo di nascita di un altro spirito bene. Come è stato prodotto nel XVII secolo, Citadelle gin viene distillato in alambicchi di rame piccolo con una fiamma. Utilizzando secoli vecchio know-how tramandato attraverso cinque generazioni di mastri distillatori, Alexandre Gabriel e il maestro di cantina Pierre Ferrand hanno portato indietro al mercato un gin complesso, raffinato ed elegante.

  • Claudio Corallo

    Claudio Corallo ha 40 anni di esperienza nella produzione di caffè e cioccolato, lavorando principalmente in Africa e per brevi periodi anche in America Latina (Bolivia).
    Nel 1974, all'età di 23 anni, si trasferisce nell’allora Zaïre, e dopo quattro anni di lavoro nell’acquisto trasformazione ed esportazione del caffè, compera due piantagioni abbandonate nel centro del paese e vi si trasferisce. In pochi anni la produzione raggiunge le 880 Tonnellate. Il caffè è di altissima qualità ed è esportato e apprezzato in tutto il mondo. Per il deteriorarsi della situazione politica in Zaïre, agli inizi degli anni '90, Claudio comincia a lavorare anche a São Tome e Principe.

  • Clèment Habitation

    Il 19 Aprile 1887 Homer Clemente acquisita in un'asta la tenuta di Mogano. Nel 1917, Homer Clemente costruì la sua distilleria sulle rovine dello zuccherificio nella tenuta Mahogany inutilizzata dal 1867.

    0 products

  • Clos Martin Distilleria

    Millesimes & Tradizione è stata costituita, a Magnan (vicino a Nogaro, nel cuore del Bas-Armagnac), per possedere e gestire un gruppo di domaines che producono Armagnac nei dipartimenti Landes e Gers della Francia. L'azienda è specializzata nell' invecchiamento in botte e imbottigliamento di Armagnac premium per assicurare che l'individualità originale del domaine e delle distillerie non vengono persi durante la maturazione o il processo di miscelazione. Millésimes & Tradizione commercia Armagnac con finissimo spirito ancora in botte e anche in bottiglie a marchio proprio, Clos Martin, il tutto sotto la supervisione del maestro cantina Jose Barbe.

  • Cloudy Bay

    Fondata nel 1985, Cloudy Bay è stato uno dei primi cinque produttori di vino ad avventurarsi in Marlborough. A quel tempo, era quasi un luogo inimmaginabile per impiantare un vigneto. Ma il fondatore di Cloudy Bay - David Hohnen - era convinto del suo potenziale per la produzione di ottimo vino ed ha investito nella terra migliore della regione. Da allora, Marlborough è diventata la regione vinicola leader della Nuova Zelanda, così come uno dei luoghi migliori per la vinificazione in tutto il mondo.

    0 products

  • Cogno Azienda agricola

    L’azienda agricola Elvio Cogno produce i grandi vini delle Langhe conducendo circa quindici ettari di vigneti di proprietà a Novello, uno degli undici comuni in provincia di Cuneo in cui è consentita la produzione di Barolo Docg.
    Colline celebri per la loro storia, cultura e bellezza, recentemente riconosciute Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco.
    Sulle orme del fondatore Elvio Cogno, Nadia Cogno e Valter Fissore oggi raccolgono l’esperienza di oltre quattro generazioni di vitivinicoltori dediti a ottenere l’eccellenza enoica a partire da un terroir unico, celebre in tutto il mondo per l’eleganza, la stoffa e l’equilibrio dei suoi vini.
    Con quattro tipologie di Barolo e undici ettari e mezzo di vigneti in località Ravera, Cogno è la più importante realtà vitivinicola della Menzione Geografica Aggiuntiva (MeGA) «Ravera», il più rinomato cru di Novello, riconosciuto per la capacità dei suoi vini di resistere al tempo mantenendo inalterati profumi e freschezza.

    0 products

  • Collard Picard

    Lo Champagne Collard-Picard è nato nel 1996 dal savoir-faire di Olivier COLLARD e Caroline PICARD. Situata al n. 15 di Avenue de Champagne a Épernay, la Maison Collard-Picard è spinta da un’assoluta esigenza di qualità. Dopo avere frequentato un corso di studi in viticultura ed enologia, Olivier e Caroline Collard-Picard gestiscono oggi la loro azienda che si sviluppa su 15 ettari di terreno coltivati con il sistema della lotta integrata.

  • Collemassari

    I fratelli Maria Iris e Claudio Tipa, che condividono da sempre la passione per la natura e per i grandi vini, hanno realizzato il loro sogno creando un “Domaine” in Toscana. L’odierna ColleMassari comprende tre tenute: dal 1998 il Castello di ColleMassari, dal 2002 il Podere Grattamacco e dal 2011 la Fattoria Poggio di Sotto. 

  • Colterenzio

    L'arciduca Sigismundo, residente a Castel Firmiano nel XV secolo, non fu il primo ad apprezzare il buon vino di Colterenzio. Infatti, già attorno al 15 a.C. il colono romano Cornelius riconobbe la straordinaria fertilità di questa terra e decise di stabilirsi qui, gettando così le basi dell'attuale vocazione vitivinicola di Colterenzio. 

  • Contadi Castaldi

    Il nome Contadi Castaldi è sintesi della storia millenaria della Franciacorta, dei suoi 19 comuni e della loro vocazione ad un’agricoltura d’eccezione. Nel 1500, periodo di massimo splendore della Repubblica veneta, la Franciacorta produceva cibi e vini destinati alle tavole di principi, di re e di ricchi mercanti. La splendida Venezia fu per la Franciacorta il mercato di elezione per far conoscere i propri vini.

  • Conterno Fantino

    La cantina Conterno Fantino, una delle realtà più longeve e reputate delle Langhe, nasce all'inizio degli anni '80, quando Lorenzo Conterno affida la sua tenuta (allora chiamata Colli Monfortesi) al figlio Diego, al nipote Claudio e al genero Guido Fantino. I tre sono giovani ma animati da una grande passione e in possesso di importanti esperienze: Diego ha già un'azienda tutta sua, Claudio è il responsabile della campagna e Guido è un enologo e cantiniere formatosi alla scuola di Beppe Colla.

  • Conterno Giacomo

    La Cantina Giacomo Conterno viene fondata nel 1900 a Monforte d'Alba da Giacomo, discendente di una famiglia di viticultori attivi nella zona fin dal 1800. Sarà il figlio Giovanni nel 1912 ad imbottigliare il Barolo, confezionato magistralmente da uve scelte, provenienti da conferitori della zona. In quell'epoca il vino si vendeva in botti o in damigiane e quello in bottiglia era una rarità. Nel 1934 Giacomo, figlio di Giovanni, produrrà quel vino straordinario che è il Barolo Monfortino, così chiamato per ricordare la casa avita di Monforte.

  • Conti Zecca

    Da cinque secoli i Conti Zecca abitano le terre di Leverano, nel cuore del Salento. Da sempre la terra è stata da loro ascoltata, capita e messa a frutto, fino a completare, nei primi del '900, il ciclo produttivo dalla coltivazione alla vinificazione delle uve dei propri possedimenti, senza mai alterare i sottili equilibri del luogo. Il passaggio dalla vigna alla cantina è stata una naturale conseguenza, seguito nell'azienda agricola ancora oggi con la stessa dedizione. Nel tempo l'identità di persone e luogo si è sovrapposta fino a sfumare in un intreccio di memoria e natura. Una corrispondenza armoniosa fatta di passione e rispetto, custodita con la pacatezza e la discrezione di chi è impegnato a fare le cose con cura.

  • Contratto

    Contratto fu fondata da Giuseppe Contratto nel 1867. La cantina e‟ conosciuta come il più vecchio produttore di vini Spumanti in Italia. In effetti, il metodo classico 1919 Contratto Extra Brut fu il pri-mo vino Spumante millesimato mai prodotto nel paese. La cantina ha una storia lunga e prestigiosa. Alla fine del ventesimo secolo, i suoi vini lasciavano Canelli per destinazioni in tutto il mondo (prevalentemente verso casati reali), e Contratto era il fornitore personale del Vaticano come anche della famiglia reale italiana. Riconoscimenti e medaglie da esposizioni e gare internazionali dell‟epoca mettono in evidenza la ragione per la quale il nome di Contratto e‟ stato per lungo tempo sinonimo di prestigio e qualità nel mondo dei vini frizzanti. In 150 anni di produzione di vino, Contratto e‟ passato dal Moscato e vino rosso allo Spumante Metodo Classico, ai vini bianchi fermi come anche al vermouth, ai tonici e agli sciroppi. Per molte generazioni, la cantina rimase nelle mani della famiglia Contratto. Nel 1993, dopo 126 anni, fu venduta ad un "outsider‟.

  • Costaripa

    Una famiglia, una passione ma soprattutto un progetto in Valtenesi. Generazioni votate alla terra ed ai suoi frutti. Un inno che porta nel cuore la soddisfazione per aver firmato il tempo. È un capitolo indimenticabile della storia della vinificazione italiana dedicato a questo piccolo fazzoletto di terra posta al sorgere del sole sul Lago di Garda. E allora gli obiettivi occupano il tempo delle generazioni per dare dignità al lavoro dell’uomo, che dona alla pazienza e alla stretta di mano il valore della lungimiranza.

  • Cragganmore whisky Distilleria

    0 products

  • Cruz Garcia

    0 products

  • Crystal Head Vodka

    La vodkaCrystal Head è una marchio prodotto da Globefill Inc. in Newfoundland, in Canada. E' stato concepito e fondato dall' attore Dan Aykroyd e dall' artista John Alexander nel 2007. La vodka subisce una quadrupla distillazione e viene successivamente filtrata sette volte, con le ultime 3 filtrazioni attraverso cristalli di diamante Herkimer. La bottiglia a teschio di cristallo è stata progettato dall'artista John Alexander ed è prodotto da Milano da Bruni Glass. Crystal Head ha vinto numerosi premi, tra cui una medaglia d'oro per il gusto eccellente al 2013 Mosca ProdExpo Internacional Tasting Contest, e una doppio Medaglia d'Oro dal San Francisco World Spirits Competition.

  • Cubaney ron Distilleria

    La storia Oliver & Oliver inizia con Juanillo Oliver nella metà del XIX secolo. Un catalano nell'arma spagnola, Juanillo concluso il servizio militare nel 1868 e si stabilì nella idilliaca Las Placetas a Cuba. Lui e la sua famiglia coltivavano tabacco e canna da zucchero, e presto ampliato le loro operazioni nella fresatura e la produzione di zuccheri e tabacchi per gli agricoltori locali. In poco tempo Juanillo stava creando rum e sigari artigianali,di provenienza locale . In poco tempo, il nome di Oliver era sinonimo di produzione di un notevole rum cubano.

  • D'Alessandro Luigi Tenimenti

    Tenimenti d’Alessandro è una storica azienda vinicola della Val di Chiana.
    È qui che, dopo anni di sperimentazioni, si è scoperta la vocazione del terroir di Cortona per il Syrah, un vino che esprime alla perfezione l'ottimale rapporto terreno-vitigno.

  • Dal Forno Romano

    Romano Dal Forno, nasce nel 1957 a Capovilla, a pochi chilometri da Illasi; proprio in questo ambiente, dove il vino più che un prodotto è una filosofia di vita, la famiglia si prende cura dei propri vigneti da ormai quattro generazioni. A 22 anni, insieme alla neo sposa Loretta, Romano conobbe Giuseppe Quintarelli che fu per lui una guida decisamente illuminante: gli aprì gli occhi a un nuovo modo di produrre vino e di impiantare vigneti, facendogli avvertire l’importanza di puntare sulla qualità piuttosto che sulla quantità. 

  • Damoiseau Rhum

    La Guadalupa ha avuto per lungo tempo la reputazione di avere uno dei migliori terroir per la coltivazione della canna da zucchero. Signor Rimbaud un giorno arrivò dalla Martinica a Guadalupa e fondò la distilleria Bellevue nel villaggio di Le Moule alla fine del XIX secolo. Nel 1942, Roger Damoiseau comprò la distilleria e creò il marchio Rhum Damoiseau. Ora è ancora gestito da suo nipote, Hervé Damoiseau. Anni dopo anni, la famiglia ha fatto gli investimenti necessari e ha trasformato la vecchia piccola distilleria in un produttore di classe mondiale Rhum Agricole. La famiglia Damoiseau ha prodotto rhum di alta qualità per 70 anni. Rhums Agricole Damoiseau hanno il 50% della quota di mercato in Guadalupa. Essi sono distribuiti in Francia e anche esportati in più di 40 paesi.

  • Dartigalongue

    La più antica casa di Armagnac, la famiglia Dartigalongue iniziò a distillare nel 1813. Sono orgogliosi di mantenere le tradizioni familiari di servizio e qualità e di vivere fino in fondo  il motto di famiglia "il mio Armagnac, la mia forza". E 'stato nel 1838 durante il regno di Luigi Filippo che Pascal Dartigalongue (originariamente da Saint Lannes vicino Madiran) si trasferisce a Nogaro nel Gers e fonda la sua Maison d'Armagnac. Ma molto rapidamente si rese conto che l'armagnac potrebbe essere un prodotto di esportazione di successo. Nonostante le molte difficoltà riuscì ad inviare botti di rovere di armagnac a Bayonne da dove furono spediti in Olanda e in Inghilterra.

  • David Lèclapart

    Regione: Montagne de Reims
    Village: Trépail
    Vitigni: Chardonnay - Pinot Noir
    Zona di produzione: 3 ettari

    Il villaggio di Trépail è insolito nella Montagne de Reims, in quanto è piantato quasi interamente a Chardonnay. Dal momento che David Léclapart ha iniziato a coltivare  i suoi 3 ettari di domaine nel 1998,  ha creato i migliori esempi contemporanei di questo terroir.

  • De Ladoucette

    I più grandi e famosi vigneti Pouilly-Fumé sono nelle mani delle famiglie Comte Lafond e Ladoucette dal 1787 quando il conte Lafond acquistò la tenuta dalla figlia illegittima del re di Francia, Luigi XV.

  • De Sousa

    Durante la I Guerra Mondiale, il portoghese Manuel De Sousa arriva in Francia per combattere con gli Alleati. Al termine rientra in patria, ma la crisi economica lo convince a tornare nei luoghi dove aveva combattuto, in Champagne, e si stabilisce ad Avize. Suo figlio Antoine sposerà la figlia di un viticoltore del villaggio, Zoémie Bonville, e insieme fondano la De Sousa, che conoscerà una svolta a partire dal 1986, quando ne prenderà il timone il figlio Erick. È questi un fine e illuminato viticoltore, ma anche un bravissimo enologo, così oggi le sue circa 75.000 bottiglie prodotte attualmente sono letteralmente contese dagli appassionati.

  • Delamotte

    Champagne Delamotte è un piccolo produttore di Champagne. Insieme a sua "sorella" Champagne Salon , Delamotte è la Casa storica del gruppo di Laurent-Perrier. Delamotte è una maison della Champagne, situata a Mesnil-sur-Oger, comune Grand Cru della Côte des Blancs, il regno indiscusso dello chardonnay. Delamotte è altresì la quinta maison più antica della regione: fondata nel 1760 a Reims da François Delamotte, le cantine furono poi installate dal nipote Alexandre a Mesnil-sur-Oger alla fine del 1700. Nel 1949, Delamotte fu acquistata dalla grande maison Laurent-Perrier la quale, nel 1975, chiamò il famoso enologo di Bordeaux Alain Terrier per dirigere il lavoro in cantina. Terrier stabilì un cambio di rotta nel tipo di vinificazione e conseguentemente nello stile di Delamotte: scelse infatti di abbandonare le botti di legno, a favore delle vasche di acciaio, al fine di riprodurre Champagne in grado di essere espressione limpida di vitigno e territorio.

  • Delas Freres

    La celebre azienda vinicola Delas Frères è stata fondata nel 1835. Dal 1996, lo spirito e l'anima che ha contribuito alla sua reputazione di vini di alta qualità sono stati restaurati. Il nuovo management della società ha fatto importanti investimenti nel sito di produzione di Saint-Jean-de-Muzols vicino a Tournon-sur-Rhône.

  • Demerara Distillers

    Il distillatore sostiene che i sapori del legno di rovere dalle botti e le complessità dell'interazione tra il legno e lo spirito sono aumentati dal clima tropicale della Guyana. Il processo di invecchiamento in Guyana è presumibilmente notevolmente aumentato l'alta umidità e temperatura costante - il risultato in un rum invecchiato 8 anni, per esempio, sembra essere uguale a quella di uno spirito di16 anni prodotto in climi freddi.

  • Deutz

    Deutz, formalmente noto come Deutz Geldermann, è un produttore di Champagne con sede nella regione di Ay. La casa è stata fondata nel 1838 e gestita da generazioni dalle famiglie Deutz e Geldermann. Deutz produce sia millesimati che non millesimati come la cuvee di prestigio Amour de Deutz.

  • Di Majo Norante

    Di Majo Norante è senza dubbio uno dei nomi più significativi del Meridione vinicolo italiano. Una tradizione che risale al 1800, quando i vini di Di Majo Norante erano prodotti nell'antico feudo dei Marchesi Norante di Santa Cristina, come testimoniano le antiche cantine sotto la piazza e nel vecchio palazzo di famiglia a Campomarino.

  • Dictador Distilleria

    Alla fine del 18 ° secolo, Severo Arango y Ferro è arrivato a Cartagena de Indias a Nueva Granada (l'attuale Colombia), e aveva in programma di migliorare la raccolta delle imposte per la Spagna nelle colonie spagnole americane. Data la sua natura forte e potente è stato subito riconosciuto ed è stato presto soprannominato 'Dictador'.
    Poi venne il momento in cui si innamorò a prima vista (e gusto): scoprì il rum. La sua devozione e affetto per l'elisir tropicale lo hanno spinto a diventare un trader chiave di liquori di canna da zucchero esotici, che a quel tempo erano considerati una moneta nella regione.

  • Didier Dagueneau

    Ci troviamo nella parte orientale della Valle della Loira, nel villaggio di Saint-Andelain, a nord di Pouilly-sur-Loire: uno dei regni assoluti del sauvignon blanc, è qui soprannominato "blanc fumé", da cui discende la denominazione "Pouilly-Fumé". Didier Dagueneau è stato un personaggio virtuoso: discepolo di Henri Jayer, papà indiscusso della nuova viticoltura borgognona, le idee e le pratiche di Didier hanno ispirato viticoltori di tutto il mondo.

  • Didier Lemorton

    L’azienda della famiglia Lemorton prevede l’utilizzo sole delle varietà tradizionali ad alto fusto e nei propri assemblaggi utilizza una gran varietà di pere. A seconda delle annate si va da un 20/30% di mele ed un 70/80% di pere. Nelle umide cantine della Lemorton è possibile trovare uno stock di vecchi millesimi risalenti fino ai primi anni del 900. Bottiglie che è ancora possibile acquistare sugli scaffali e ad un prezzo decisamente “modesto” vista la rarità & qualità dei loro Calvados.

  • Dillon rhum Distilleria

    La distilleria Dillon è stata creata in Martinica sulle rovine di una vecchia raffineria di zucchero del 1690. Situata all’ingresso sud di Fort-de-France, La Distilleria Dillon produce rum da secoli, è stata fondata da Arthur DIllon, che scelse di costruirla sopra una antico zuccherificio. La canna da zucchero è ancora oggi frantumata da mulini azionati da una macchina a vapore che risale al 1922. Le migliori canne da zucchero della Martinica sono prodotte dalle piantagioni Dillon grazie a un microclima geografico particolarmente favorevole il quale gli ha fatto meritare l'appellativo "Grand Cru".

    0 products

  • Diplomatico Rum

    Considerando le distillerie che producono le grandi marche del rum, Diplomatico è considerato tra i primi tre al mondo insieme ad El Dorado ed Appleton. Queste tre detengono sia alambicchi a colonna sia pot still e quindi possono produrre rum single blended. La distilleria che produce Diplomatico è la Distilerias Unidas (DUSA), sita nella cittadina di La Miel, nello stato di Lara, in Venezuela. L’idea di Ron Diplomatico nasce nel 1983 e la prima goccia è datata 1989. L’impianto è da decenni all’avanguardia per varietà di materie prime da utilizzare e per tipologie di distillazione praticate.
    L’unicità di Diplomatico nel mondo latino è di essere un blend di tipologie di Ron completamente differenti, dalla materia prima alla fermentazione alla distillazione. La miscela di questi rones diversi è la natura di Diplomatico.

  • Dipoli Peter

    L’azienda Peter Dipoli nasce nel 1987 con l’acquisto da parte della famiglia di una piccola proprietà di 1,2 ha in località di Penon, nel comune di Cortaccia. Dopo la completa riconversione dei vigneti con la varietà Sauvignon Blanc si ha nel 1990 la prima produzione di 1.637 bottiglie di Voglar. Negli anni successivi l’azienda si allarga con l’acquisto e l’affito di nuovi vigneti, tra i quali il vigneto Iugum nel vicino comune Magrè. I primi anni l’uva viene vinificata nella cantina di un amico. Una tappa fondamendi Egna, dove a partire dal 1998, viene atttretale è l’acquisto di un’antica casa rurale a Villa, nel comune di Egna, dove a partire dal 1998, viene attrezzata la cantina dell’azienda.

    0 products

  • Distillerie Savanna

    Emisfero Sud, tutti a testa in giù, siamo in pieno Oceano Indiano, ad est del Madagascar, nella vulcanica Île de la Réunion. L’isola è protettorato d’oltremare francese come le Antille francesi, ma qui la natura è più selvaggia ed esuberante. La canna da zucchero che impera sull’isola è la R570, e Réunion è un grande produttore di zucchero, attraverso le sue tre grandi sucrerie. Quella che fornisce Savanna è la Bois Rouge, adiacente alla distilleria per cui la materia prima del rum è direttamente decisa insieme allo zuccherificio.

  • Distillery No. 209

    No. 209 Gin e San Francisco si compenetrano naturalmente. Non solo condividono una riverenza per la tradizione e la passione per il meglio, ma anche un atteggiamento fiducioso che incoraggia l'assunzione di rischi e l'innovazione audace. Quindi, mettendo la nostra distilleria - l'unica distilleria al mondo che è costruita per l'acqua - sul rinnovato Pier 50 di San Francisco è stata una decisione facile. Oltre che essere all'ombra di AT & T Park, sede della 2014  World Series Champion San Francisco Giants, le proprietà di raffreddamento naturale dei 13 piedi di profondità della dell'acqua sotto il molo nella San Francisco Bay mantiene la temperatura dell'aria in distilleria perfetto per distillazione per tutto l'anno.

  • Dom Pérignon

    Dom Pérignon è una marca di champagne prodotto da Moët et Chandon. Prende il nome da Dom Pérignon, monaco benedettino che era un pioniere importante perla qualità del vino della Champagne, ma che, al contrario di miti popolari, non ha scoperto il metodo per spumantizzare i vini della Champagne. Dom Pérignon fu la prima cuvée di prestigio, un'idea proposta dall'inglese Laurence Venn.

  • Domaine de Canton

    Domaine de Canton è un liquore allo zenzero ispirato alla tradizione francese in cui elisir dolce e fresco è stato fortificato con una eaux de vie ( grappa) e cognac. Elisir speziato e aromatico è diventato popolare tra i francesi durante il periodo delle colonie in Indocina. Domaine de Canton è prodotto con il profumato e delicatamente piccante baby zenzero coltivato localmente in tempi moderni in  Indochine. Il risultato è una ricetta che evoca un'epoca di romanticismo e raffinatezza tropicale continentale, che è allo stesso tempo elegante e senza tempo.

  • Domaine Faiveley

    Domaine Faiveley è un produttore di vino in Borgogna, in Francia situato a Nuits-Saint-Georges e fondata nel 1825. Faiveley gestisce anche un business négociant, ma questa attività è molto più piccolo in volume rispetto alla produzione di vino dai propri vigneti. Faiveley possiede 120 ettari (300 acri) di vigneti in Borgogna, che la rende uno dei più grandi proprietari di vigneti della Borgogna. La cantina Domaine Faiveley ha nel corso della propria storia sempre dedicato grandissima attenzione al lavoro in vigna, curato nei minimi dettagli in ogni periodo dell'anno dall'inverno fino alla vendemmia, per assicurare la maturazione ideale ad ogni grappolo d'uva. L'esperienza e il know-how dei Faiveley hanno permesso di conciliare la tradizione borgognona con le innovazioni tecnologiche, prese sempre nel rispetto dell'ambiente, con l'obiettivo di migliorare anno dopo anno il già straordinario livello di qualità.

    0 products

  • Domaine Pierre Luneau-Papin

    La leggenda vuole che il succo superbo e morbido dell'annata 1976 sia rimasto per 10 anni sopra le fecce fini. 10 anni di riposo, diventando sempre più ricco, più morbido, più minerale, gli agrumi più maturi, speziato, con aromi di pietre ... Un vigneron è come il loro terroir, impara sempre e, con il passare del tempo e sempre maggiore esperienza, acquista una comprensione più profonda delle proprie viti. Ecco questa ricerca si estende su nove generazioni. Il cambiamento delle stagioni e decenni di esperienza confermano la qualità del Melon de Bourgogne, il nostro vitigno unico e singolo. 

  • Domaine Servin

    Servin è uno dei domaine più grandi di Chablis, territorio alquanto singolare situato a nord-ovest della Borgogna le cui caratteristiche, che costituiscono eccezione assoluta, regalano Chardonnay tra i migliori al mondo. La 31a edizione del Concorso Enologico Chablis si è svolto il Sabato 14 gennaio 2017. Questo prestigioso evento dedicato al vino locale ha riunito 80 assaggiatori, 334 campioni di vino provenienti da oltre 85 aziende vinicole. Alla fine solo 28 medaglie sono stati consegnate. Il Domaine Servin è orgogliosa di annunciare che abbiamo ricevuto una medaglia di bronzo per la Chablis Premier Cru Mont de Milieu 2015 e tre nomination per la Chablis Vieilles Vignes 2015, Chablis Premier Cru Montée de Tonnerre 2015 e Chablis Premier Cru Les Forêts il 2015.

  • Domaine Trapet

    Nel territorio principe della Borgogna, dove ogni angolo di terra può raccontare un vino diverso, il Domaine Trapet fa da tramite tra il “terroir” e il vino. Grandi Pinot Noir, di carattere e eleganza, millesimè di una delle migliori annate in Borgogna. Il gusto corposo e l’intensità dei sapori lo rendono incantevole.

  • Domaines Ott

    Domaines Ott was founded in 1912 by Marcel Ott, an agricultural engineer from Alsace who dreamed of establishing a great wine estate near the Mediterranean. Today, the wineries are owned and managed by Champagne Louis Roederer and produce some of the world’s most prestigious wines. These wines are made at three distinctively different estates in the Bandol and Côtes de Provence appellations: Château Romassan, Clos Mireille and Château de Selle. 

  • Domaines Schlumberger

    La maison Schlumberger rappresenta appieno il tipico produttore di vini dell’Alsazia, transalpini al 100% ma dal nome tedesco.

  • Domini Castellare di Castellina

    Per 25 anni è stato solo Castellare di Castellina. 25 anni di successi con la riscoperta del metodo (quello del Chianti nel fiasco) di governare il vino per le bottiglie fresche e beverine, anche ghiacciate, d’estate, delGoverno di Castellare; con la fedeltà ai vitigni autoctoni per un Chianti Classico autentico, dove il rosso rubino delSangioveto non viene umiliato dal nero Cabernet o peggio dai vini del Sud; con la Riserva Chianti Classico e la Riserva speciale Vigna il Poggiale sempre ai massimi punteggi delle guide e ripetutamente con i tre bicchieri delGamberorosso; con i vitigni internazionali vinificati in purezza: il Cabernet per le bottiglie di Coniale e il Merlot per Poggio ai Merli, sì da concorrere allo challenge mondiale dei due vitigni più diffusi al mondo; e ancora con i tre bicchieri, Le Ginestre (Chardonnay e Suvignon solo in acciaio), Canonico (dalla stoffa forte dello Chardonnay, vinificato in barrique) eSpartito (Sauvignon anch’esso vinificato in barrique); poi il Vinsanto S. Niccolò, fatto come Dio comanda, senza il mestolo, e né troppo spiritoso (secco) né troppo dolce; infine, il vino bandiera, il grande I Sodi di S. Niccolò, esaltazione del Sangioveto e della Malvasia nera (10%), due volte nella classifica dei 100 Top di Wine Spectator a dimostrazione che il vitigno Sangioveto può competere con tutti i migliori vitigni del mondo.

  • Dominique Laurent

    Negociant haute couture, questa la definizione più appropriata e più aderente al personaggio eclettico che è Dominique Laurent. Proprio perché Laurent rappresenta la rivalutazione massima della categoria dei “non vignerons” . I senza terra che spesso si accontentano di quello che trovano presso viticultori o proprietari di terreni secondari e che poi imbottigliano sotto il proprio nome o marchio . No, Dominique Laurent non si accontenta di quello che si trova dietro l’angolo.

  • Don Good Tequila

    “Tequila” è una denominazione di origine controllata che indica l’acquavite di agave prodotta in Messico, principalmente nello stato di Jalisco. Autenticamente Messicana l’azienda Don Good Tequila è
    saldamente radicata al suolo ed alle tradizioni della sua gente e della sua cultura.

  • Don julio tequila

    La tequila Don Julio è prodotta nelle colline di Jalisco, nella località di Atotonilco, dove il microclima e il terreno ricco di minerali e argilla permettono alla pianta di agave blu di raggiungere la sua piena maturazione in 7 anni. Le piante sono raccolte a mano da jimadors esperti e i cuori di agave vengono trasportati nella distilleria, dove cuociono nei tradizionali forni in muratura per tre giorni e rilasciano un dolce succo. Da quasi 40 kg di agave si produce una bottiglia di tequila. Dopo la distillazione, la tequila viene commercializzata bianca oppure invecchiata in botti di rovere.

  • Don Papa Rum

    0 products

  • Donnafugata

    Il nome Donnafugata, letteralmente "donna in fuga", fa riferimento alla storia della regina Maria Carolina, moglie di Ferdinando IV di Borbone che ai primi dell'800 - fuggita da Napoli per l'arrivo delle truppe napoleoniche - si rifugiò in quella parte della Sicilia dove oggi si trovano i vigneti aziendali. Questa vicenda ha ispirato il logo aziendale, ovvero l'effige della testa di donna con i capelli al vento che campeggia su ogni bottiglia. Fu lo scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa, nel romanzo Il Gattopardo, ad indicare con il nome di Donnafugata quei possedimenti di campagna del Principe di Salina che accolsero la regina in fuga e che oggi ospitano i vigneti aziendali.

  • Edradour Distillery

    Conosciuta come una delle più piccole distillerie tradizionali in Scozia. La Edradour produce sole 90.000 litri all’anno, la quantità che una delle distillerie più grandi produce in una settimana. Attualmente la distilleria possiede un cast iron mash tin, due washbacks di pino dell’Oregon e due pot stills. Dal 2004 commercializza una serie di single malt in bottiglie da 50 cl, finiti in botti che hanno contenuto differenti vini o distillati.

  • Egly Ouriet

    Récoltant-Manipulant à Ambonnay Grand Cru 100%
    Champagne di razza e di terroir: pianta e terreno si ritrovano in tutto e per tutto nel suo vino, grazie alle vecchie vigne, a qualche segreto del vignaiolo e alla tecnologia moderna. Egly-Ouriet produce solo con l'uva dei suoi 11,5 ettari di vigneti, di cui il  più importante si trova ad Ambonnay, patria del Pinot Noir, gli altri a Bouzy, a Verzenay e a Vrigny.

  • Eimverk Distillery

    La nostra distilleria, nata nella periferia di Reykjavik in Islanda, è una delle prime micro-distillerie del suo genere in Islanda. La nostra famiglia ha sempre avuto un interesse per la distillazione. Abbina questo interesse con un background in agricoltura e si ottiene una squadra dei distillatori dedicati. Insistiamo sull'uso di orzo islandese locale, da agricoltura biologica, per creare il 100% dei nostri prodotti, dal Floki Young Malt al nostro gin Vor premium. La nostra piccola distilleria è gestita dalla nostra famiglia e il nostro piccolo team di lavoro. Questo assicura che tutto venga realizzato a mano per creare prodotti della più alta qualità possibile. Abbiamo il controllo completo nella creazione degli spiriti che amiamo.

    0 products

  • Elena Walch

    Elena Walch è un’azienda vinicola di spicco dell’Alto Adige a conduzione famigliare, fiore all’occhiello della produzione vinicola italiana e rinomata a livello internazionale.Elena Walch – L’eleganza del nome si rispecchia anche nello stile dei suoi vini. Promotrice di qualità ed innovazione, Elena Walch ha contribuito a guidare la rivoluzione qualitativa altoatesina guadagnandosi così una grande considerazione locale ed internazionale. Architetto di professione, Elena Walch ha sposato l’erede di una delle più antiche famiglie vinicole della regione, portando con sé nuovi concetti di modernizzazione dell’azienda tradizionale. Oggi la conduzione aziendale viene affidata nelle mani delle figlie Julia e Karoline Walch, la quinta generazione della famiglia.

  • Elephant Gin

    Il Dry Gin Elephant viene distillato in Germania con 14 essenze botaniche che includono alcuni ingredienti africani piuttosto insoliti ma affascinanti come Baobab, la pianta di Buchu, Artiglio del Diavolo e Wormwood africano. Con la bottiglia artigianale, completo di tappo di sughero e una vecchia mappa in etichetta, il Gin Elephant cattura certamente lo spirito di esplorazione. 

    0 products

  • Elit By Stolichnaya

    Le vodke Stolichnaya hanno origine nella regione russa di Tambov, dove l’ultra-moderna distilleria di Talvis produce la massima qualità di Alpha-Spirit, il grado alpha identifica il più alto livello qualitativo di un distillato secondo i parametri statali russi. Presso la superba distilleria Latvijas Balzams, l’alcol destinato a elit® viene miscelato con l’acqua pura dei pozzi artesiani. Successivamente viene filtrato attraverso il carbone di betulla russa e la sabbia di quarzo ad una temperatura costante di 15°C fino a creare una vodka di ineguagliabile morbidezza. Per la fase finale della sua creazione elit® viene sottoposta all’esclusivo processo di filtraggio freeze-out. Ispirato dall’antica tradizione russa di lasciare le botti all’esterno sottoposte al rigido inverno, il liquido viene raffreddato alla temperatura esatta di -18°C, aggregando così le ultime impurità. A questa temperatura il liquido si addensa e passa lentamente attraverso filtri di carbone con ioni attivi, lasciando un distillato squisitamente puro e di carattere. Dopo il rigore viene il riposo. elit® ritorna alla temperatura ambiente senza fretta e facendo questo acquisisce tutte le caratteristiche della perfezione molecolare: limpidezza e densità impeccabili. Visibilmente luminosa, in bocca è avvolgente e al palato si differenzia da qualsiasi altra vodka. Elogiata per essere la vodka più premiata al mondo.

  • Enrico Gatti

    Enrico Gatti nel 1975 acquista il suo primo appezzamento per realizzare un vigneto ad uve rosse, da cui nasce una produzione artigianale di vino. Nel 1984 la passione di Enrico diventa una storia di famiglia: inizia la collaborazione con i figli Lorenzo e Paola insieme al marito Enzo. La sinergia di queste nuove forze rende il sogno di produrre bollicine una realtà con il primo Franciacorta prodotto nella vendemmia 1986.

    0 products

  • Eristoff

    La Eristoff è una vodka georgiana, ideata nel 1806 per il principe Eristoff, da cui prende il nome. A base di cereali, il procedimento di fabbricazione prevede una distillazione tripla e una filtrazione a carbone (tecnica in uso in Russia a partire dal XVIII secolo). Il logo Eristoff, costituito da un lupo che ulula ad una falce di luna, rimanda al nome in lingua persiana della Georgia, ossia Virshan, "terra dei lupi". Ancora oggi la Georgia è la terra del lupo grigio, che fa parte da secoli della cultura e del folklore locale.

    0 products

  • Ernest Remy

    L'autenticità di un grande Champagne inizia con uve pregiate. Ecco perché presso la casa di Ernest Remy, produciamo i nostri Champagne dalle sole uve "Grand Cru". Radice, pianta, forma, taglio e cura di ogni singola vite lungo il loro ciclo di vita, in modo che producano l'uva migliore.

    0 products

  • Espolon Tequila Distilleria

    Prodotta artigianalmente con il 100% di Agave Blu, Espolon è la tequila super-premium che celebra la storia e la cultura Messico, attraverso l’arte classica del 19° secolo e il gallo simbolo di orgoglio nazionale. Le originali etichette ispirate all’arte messicana, raffigurano i personaggi di Guadalupe, Rosarita Ramon e il Gallo in viaggi che catturano momenti reali della storia messicana. Espolon è prodotto in due varietà, Blanco e Reposado.

    0 products

  • Falesco

    Il legame tra la Famiglia Cotarella e il mondo del vino ha origine negli anni Sessanta, quando Antonio e Domenico Cotarella, viticoltori in Monterubiaglio, hanno realizzato la prima cantina per la produzione in proprio di vino. I fratelli Renzo eRiccardo Cotarella, entrambi enologi cresciuti in una terra di lunghe tradizioni vinicole, spinti dalla passione del padre Domenico, hanno poi fondato nel 1979l'attuale Falesco, trasformando quella che era una piccola azienda familiare in un'impresa di successo da lasciare alle generazioni successive.

  • Falkenstein

    La rinomata azienda vinicola Falkenstein, da 400 anni di proprietà della famiglia Pratzner, è situata sopra Naturno, in Val Venosta, a ridosso del monte „Sonnenberg“. Nel 1995 l’attuale proprietario Franz Pratzner ha deciso di produrre e commercializzare i suoi vini in proprio. I vitigni si trovano in una zona soleggiata, con giorni caldi e notti fresche, che si presta perfettamente alla coltivazione delle varietà Pinot bianco, Sauvignogn e Gewürztraminer. 

  • Fay

    La nostra filosofia: Il nostro impegno è volto alla valorizzazione dei singoli vigneti che, in base alle peculiarità pedologiche ed altimetriche, danno origine a vini differenti e di spiccata personalità.

    0 products

  • Felsina

    La Fattoria di Felsina, attorniata da viali di cipressi, è un luogo storico e importante della viticoltura toscana. Tutto cominciò nel 1966, quando Domenico Poggiali, imprenditore ravennate, acquistò la tenuta investendo tutto sulla qualità del vino e sul lavoro di molti giovani promettenti: un atto estremamente coraggioso in quel momento, vista la difficile situazione della viticoltura italiana di quegli anni.

  • Ferghettina azienda agricola

    Nell'azienda oggi Roberto è affiancato dai figli Laura e Matteo, laureati in enologia, dalla moglie Andreina e da 15 collaboratori. La produzione annua è di circa 350.000 bottiglie divise tra 4 tipologie di Franciacorta DOCG: Brut, Saten, Extra Brut e Rosè e tre vini fermi un Curtefranca Rosso, un Curtefranca Bianco e un IGT Sebino.

  • Ferrari Cantine

    1902 Il mito Ferrari nasce da un uomo, Giulio Ferrari, e dal suo sogno di creare in Trentino un vino capace di confrontarsi con i migliori Champagne francesi. È un pioniere: è lui che per primo intuisce la straordinaria vocazione della sua terra, lui che per primo diffonde lo Chardonnay in Italia.

  • Feudi di San Gregorio

    Fondata nel 1986, Feudi di San Gregorio è oggi il marchio simbolo del rinascimento enologico del meridione d'Italia e di una cultura del bere volta a riscoprire l'identità dei sapori mediterranei. Salvaguardare la tradizione ricercandone tutte le potenzialità. Valorizzare i vitigni del Sud Italia come l'Aglianico, il Fiano di Avellino e il Greco di Tufo, investire nella terra e nella tradizione secolare della viticultura irpina, restituendo un futuro ad un patrimonio ambientale unico. Oggi Feudi di San Gregorio è - e vuole essere sempre di più - un luogo d'incontro, di confronto, di conoscenza, di meditazione, un laboratorio di idee e cultura.

  • Fever Tree

    Nate nel 2004, le acque toniche fever tree superano le 10 varianti, sono realizzate con ingredienti freschi e naturali. Il nome deriva dall'albero di Chinchona (l'Albero della Febbre) dal quale si estrae il chinino: farmaco utilizzato per la cura della malaria, oltre che l'ingrediente che dà la punta d'amaro alla bevanda. Un prodotto che è diventato un mito nei locali di tendenza di tutto il mondo.

  • Fifth Generation

    La Vodka di Tito's nasce negli U.S.A, ad Austin, nel 1997, quando Bert Beveridge, detto “Tito” dagli amici, fonda la Fifth Generation, la prima distilleria legale del Texas. L'idea risale a molti anni prima, quando Tito produceva Vodka aromatizzata per consumarla e regalarla agli amici, espandendo da subito la cerchia dei sostenitori.

  • Filliers Distillery

    Filliers Gin Dry 28 utilizza 28 botanical (anche se il nome 28 è anche un riferimento al  1928 ...) oltre al ginepro per creare questa miscela storica e tradizionale. Questo non è l'unico gin  della distilleria belga, la loro gamma è una vera delizia! Filliers è uno dei più antichi marchi del mondo, dopo Bols Genever ce ne sono pochissimi altri. Ora producono una varietà di liquori dal Genever fino al whisky, vodka e liquori. La loro storia interessante e la longevità la dimostra degna di una lezione di storia condensata, quindi per favore prendere un drink e rilassatevi ...

    0 products

  • Firriato

    Agli inizi degli anni 80 la passione enologica di Salvatore Di Gaetano viene attratta da un luogo particolare, la contrada del Firriato, nell’agro straordinario della città di Trapani, un territorio agricolo segnato profondamente dalla coltivazione della vite e dalla cultura del vino, posto tra il mare, bellissimo, della costa trapanese e la rocca, maestosa, dell’antica città di Erice. Sono gli esordi di un giovane imprenditore, innamorato della sua terra e che a questa terra guarda con occhi nuovi, intravedendo le potenzialità di crescita e di sviluppo di un territorio viticolo d’eccellenza come è quello delle valli trapanesi, ancora però non espresse con il necessario impegno e il giusto approccio produttivo. 

  • Flamigni

    Flamigni ha due sedi produttive. È nata in Romagna, terra di cui esprime la quasi religiosa attenzione al cibo e alla sua cultura. Nel corso degli anni la famiglia dei titolari ha ritenuto di impiantare anche uno stabilimento nelle Langhe. Questa scelta, che non segue il principio di ottimizzazione industriale, ha una sola motivazione: la ricerca della qualità. In campo alimentare, infatti, la qualità è legata al territorio e Flamigni, per la produzione dei lievitati, è andata a cercarla dov’era di casa.

    0 products

  • Flor De Cana rum

    Flor de Caña (spagnolo per "fiore di canna da zucchero") è un marchio di rum distribuito da Compañía Licorera de Nicaragua che ha sede a Managua, Nicaragua. Ogni bottiglia di Flor de Caña contiene una selezione unica di rum invecchiati. Si fondono rum più giovani, rum più robusto e più anziani, rum più delicate ". Flor de Caña è rinomato come uno dei migliori rum in America Latina, dopo aver vinto più di 150 premi internazionali dal 2000 ed è stato il marchio più premiato di rum in questo periodo. ha vinto oro, argento e medaglie di bronzo e ha ricevuto ottime raccomandazioni da appassionati di vino e liquori.

  • Florio Duca di Salaparuta

    Il Gruppo Duca di Salaparuta riunisce tre brand storici che rappresentano la Sicilia e l’Italia nel mondo: Corvo e Duca di Salaparuta, nati nel 1824, e Florio nato nel 1833.
    Acquisite dalla Illva Saronno Holding e riunite in un’unica realtà, le due Aziende storiche costituiscono il primo gruppo vitivinicolo privato dell’isola e ne raccontano la storia e la terra attraverso luoghi suggestivi come le Tenute e le storiche Cantine.
    Tre marchi, ognuno testimone di un territorio specifico e delle peculiarità che lo contraddistinguono, e una gamma di vini completa in grado di soddisfare ogni occasione di consumo e abbinamento.

  • Folonari Ambrogio e Giovanni Tenute

    La Famiglia Folonari opera nel settore vitivinicolo sin dalla fine del 1700. Nel 1825 l’attività familiare diventò la ‘Fratelli Folonari’ azienda interamente di proprietà la cui missione era di sviluppare, produrre e distribuire i migliori vini italiani nel mondo.
    Nel 1912 Italo Folonari, il nonno di Ambrogio Folonari, con il fratello Francesco, comprò l’azienda Ruffino, conosciuta al tempo per il Chianti caratteristicamente confezionato in fiasco.

  • Foradori Elisabetta

    In Foradori raccogliamo le uve di 28 ettari di vigna – il 75% a Teroldego, il 15% a Manzoni Bianco, il 5% a Nosiola e il 5% a Pinot Grigio - per produrre in media 160.000 bottiglie ogni anno: 90.000 di Foradori, 20.000 di Granato, 20.000 di Fontanasanta Manzoni Bianco, 8.000 di Fontanasanta Nosiola, 8.000 di Fuoripista Pinot Grigio e 10.000 per ciascuno dei vigneti Sgarzon e Morei. 

  • Franck Pascal

    Franck Pascal è un viticoltore e produttore di Champagne estremamente fedele ai princìpi della biodinamica. Ingegnere di formazione, Franck ha preso in gestione in piccolo podere familiare dopo la morte del fratello, convertendolo a poco a poco alla coltivazione biodinamica, fino a ricevere la certificazione nel 2004. Il totale rifiuto di pesticidi, diserbanti e altri prodotti chimici artificiali è stato maturato a partire dall'esperienza del servizio militare e l'applicazione di sostanze tossiche e gas come armi belliche. Da quell'esperienza è maturato un totale rigetto per i pesticidi e le sostanze tossiche e l'interesse per la biodinamica, che Franck definisce come “una cultura biologica migliorata dall'applicazione delle soluzioni energetiche”. Oggi Franck è affiancato dalla moglie Isabelle e da diversi collaboratori, in un clima lavorativo che mira alla cordialità tra i dipendenti e la vicinanza ai consumatori.

  • Francois Mikulski

    François Mikulski è di origine polacca, ma nato a Digione. La sua storia è recente, la cantina è stata infatti fondata nel 1991, dopo gli studi in enologia ed una lunga esperienza di lavoro in California. François Mikulski e la moglie Marie-Pierre affittano 9 ettari di vigneti nel comune di Meursault, in parte appartenenti ad un vecchio zio. Piccola parte della produzione è di vini rossi (Bourgogne Rouge e Volnay Santenots), il resto è di vini bianchi ed in particolare di Meursault (100% Chardonnay). Per Mikulski, mineralità, purezza ed eleganza caratterizzano i migliori Meursault. Per conseguire questo obiettivo viene data importanza primaria alla qualità dell’uva ed utilizzato solo il 15-20% di legno nuovo. L’affinamento in barrique ha luogo per un periodo minimo di 16 mesi. Sono vini con un buon potenziale di invecchiamento.

  • François Millet

    Il vigneto di Francois Millet è uno dei più antichi di Sancerre. Oggi operiamo una superficie di 21 ettari. Facciamo tre tipi di prodotti. Il Sancerre blanc da Domaine Millet, è molto potente con un buon equilibrio tra alcol e acidità. Troviamo gli aromi tipici del sauvignon come ananas, agrumi e di pesca.

  • Francois Peyrot Maison

    Coprendo una superficie vitata di 25 ettari, la tenuta cognac "Logis des Bergeronnettes" a Jarnac, Charente, è interamente composta da Premier Cru Grande Champagne. Questa azienda familiare, Cognac Francois Peyrot S.A.R.L., ha una storia che risale a oltre quattro generazioni ed è cresciuta in dimensioni dalle sue modeste origini di sette ettari. Producendo vino e cognac in modo tradizionale, la tenuta coltiva tutte le loro vigne nel più naturale dei modi. Oggi, rifiutano qualsiasi uso di fertilizzanti chimici e pesticidi per produrre il loro cognac in armonia con l'ambiente.

  • Franz Haas

    Da sempre l’azienda Franz Haas lavora per esprimere al meglio la qualità dei vini che produce. Nasce nel 1880 e viene tramandata fino ad oggi sempre ad un Franz Haas. 
    Vengono lavorati circa 55 ettari vitati, suddivisi tra proprietà, affitti e conferenti. 
    Franz Haas è riconosciuto da sempre come grande appassionato e cultore del vitigno più ostico, più sensibile, più appagante: il Pinot Nero. Malgrado tutta l’attenzione, l’impegno, la fatica, non sempre il prodotto è all’altezza delle sue origini, e quindi la nostra selezione, lo “Schweizer”, non sempre viene immesso sul mercato. 
    Altro dettaglio che distingue Franz Haas, è il collegamento con l’artista Riccardo Schweizer, che collaboró anche con Picasso, Chagall, Cocteau, Paul Éluard e Le Corbusier e realizzò le etichette dei vini ..

  • G Vine Gin

    Combinando il patrimonio della regione Charente, l'atteggiamento d'avanguardia di Parigi e l'eleganza del sud-ovest, GVine Gin de France incarna la creatività e la gioia di vivere del giorno d'oggi della moderna Francia. Una celebrazione del non convenzionale, che ispira coloro che vivono la vita in modo creativo e un risultato della passione di un uomo che aiuta a guardare il mondo in modo diverso.

    0 products

  • G.H. Mumm

    La G. H. Mumm è una delle più grandi case produttrici di champagne del mondo con sede a Reims, nella regione della Champagne-Ardenne.

  • Gabriel Boudier Distilleria

    Uno dei pionieri dei liquori alla frutta francesi, la casa di Gabriel Boudier prepara bevande  alcoliche dal 1874. Con sede a Digione e di proprietà della Boudiers, continuano la tradizione di famiglia producendo ottime crème de fruits. Nel 2008 hanno lanciato il Gin Saffron

    0 products

  • Gaja

    La cantina Gaja è stato fondata nel 1859 da Giovanni Gaja; la famiglia Gaja arrivò dalla Spagna durante il 17° secolo. La famiglia Gaja ha aperto una taverna a Barbaresco, servendo i propri vini con il cibo. Alla fine del 19 ° secolo, i vini di Gaja svenivano imbottigliati e forniti all'esercito italiano in Abissinia.

  • Galardi 1991

    Galardi “Terra di Lavoro” è un vino di grande struttura e prestigio realizzato dalla sapiente miscela di Aglianico e Piedirosso, affinato in barriques nuove di rovere per dodici mesi. Le annate che vanno dal 1994 ad oggi hanno visto un crescendo costante nell’attenzione degli esperti e del pubblico. Ai primi entusiastici giudizi dei maggiori esperti americani, Robert Parker, Daniel Thomases, James Suckling e Stephen Tanzer, si sono aggiunti quelli dei più autorevoli critici internazionali. In ambito nazionale particolare soddisfazione hanno suscitato i lusinghieri riconoscimenti del Gambero Rosso, dell’Associazione Italiana Sommelier, de L'Espresso, di Alessandro Masnaghetti e di Luca Maroni. Fino a Luigi Veronelli che ha più volte classificato il Terra di Lavoro miglior vino italiano in assoluto.

  • Galup

    GENUINI, SELEZIONATI, CERTIFICATI. Galup dal 1922

    0 products

  • Gaston Chiquet

    Gaston Chiquet è un "récoltant-manipulant" di Dizy, piccolo comune che sorge ad est nella Vallée de la Marne, patria per eccellenza di uno dei tre vitigni classici dello Champagne: il pinot meunier. Il Domaine è stato fondato da Gaston Chiquet nel 1935, dopo essersi distaccato dall'azienda familiare Chiquet Frères nata agli inizi del ‘900. 

  • Generous Gin

    0 products

  • Georges Laval

    Una delle case più piccole della Champagne con una lunga storia di famiglia nella vinificazione, Georges Laval è anche famosa per aver applicato l'agricoltura biologica fin dagli anni '70.

  • Giard Distilleria

    Michèle e Patrice Giard Gli agricoltori sono al Domaine du Manoir de Montreuil en Auge (Calvados). Questo produttore contadino offre la AOC Pays d'Auge sidro sidro, pomo AOC Normandia e AOC Calvados Pays d'Auge e succo di mela.

  • Giuseppe Sedilesu

    Trenta anni fa l’acquisto del primo ettaro di vigneto coltivato direttamente con l’aiuto dei tre figli. L’azienda lungo questi anni è cresciuta insieme alla famiglia. Grazie a Dio. Mamoiada è un paese della Sardegna al centro della Barbagia. Paese dei Mamuthones, ha nella maschera tradizionale un grande patrimonio rimasto integro dopo migliaia di anni, che affonda le sue radici nelle ritualità sacre delle antiche popolazioni locali. Mamoiada è posta a 650 metri sul livello del mare ed i suoi terreni agricoli hanno origine da disfacimento granitico. L’Azienda Giuseppe Sedilesu ha nell’agro di Mamoiada quindici ettari di vigneto a Cannonau, allevato ad alberello, e piccole superfici di uve bianche chiamate in loco Granazza.

  • GlenElgin - Glenlivet Distillery

    La distilleria Glenlivet è una distilleria vicino Ballindalloch a Moray, in Scozia che produce scotch whisky single malt . E' la più antica distilleria legale nella parrocchia di Glenlivet, e il luogo di produzione del whisky scozzese con lo stesso nome. E' descritto nel packaging e la pubblicità come "Il single malt che ha iniziato tutto". E' stata fondata nel 1824 e ha operato quasi ininterrottamente da allora.

    0 products

  • Glenfarclas Distillery

    La distilleria Glenfarclas si trova a Ballindalloch in aperta campagna e ai piedi del Ben Rinnes, da lontano più che una distilleria sembra una casa colonica, questa sua particolare architettura deriva per buona parte dalle sue origini di piccola distilleria locale.

    0 products

  • Glenfiddich whisky

    Glenfiddich in gaelico significa la "valle dei cervi", i suoi whisky sono single malt prodotti con metodo classico e con un carattere mite molto apprezzato dagli appassionati, ma la distilleria produce anche  distillati con processi e finiture diverse. William Grant fondò la Glenfiddich nel 1887. Padre di 7 figli, fu prima ragioniere e poi manager della Mortlach oltre che maestro di coro della Free Church di Dufftown. Dopo 16 anni di risparmi e di lavoro, aiutato anche dai figli e dalle due mogli, costruì a mano, pietra dopo pietra, la distilleria. I primi equipaggiamenti della distilleria furono acquistati per 120 sterline dalla Cardhu; una coppia di alambicchi usati, un set di wash tun, un worm tub e una noria. L'acqua proveniva dalla sorgente Robbie Dubh. Era il giorno di natale del 1887 quando il primo distillato uscì dagli alambicchi.

  • Glenmorangie whisky

    il toponimo si ritiene derivi dal gaelico Gleann Mòr na Sìth "valle di tranquillità" o Gleann Mór-INNSE "valle di grandi prati" è una distilleria a Tain, Ross-shire, Scozia che produce whisky single malt scotch. La distilleria è di proprietà di The Glenmorangie Company Ltd, il cui prodotto principale è la gamma di Glenmorangie single malt whisky. Glenmorangie è classificato come una distilleria Highland e vanta i più alti alambicchi in Scozia. La società possiede anche Ardbeg Distillery in Islay.

  • Gordon's

    Era la Londra di fine '700 quando si affacciò al pubblico il Gin Gordon, destinato a diventare, in breve tempo un grande compagno dei dopo cena inglesi. Nel 1925 fu protagonista di un vero boom di successo con la licenza autorizzata da parte di Re Giorgio V e, da quel momento, l'egemonia dei Gordon non si è ancora fermata. Piani commerciali efficaci, facile reperibilità sul mercato e un ottimo rapporto qualità prezzo, hanno fatto del Gordon il Gin per antonomasia, ingrediente fondamentale per la riuscita di moltissimi cocktail e protagonista immancabile dietro al bancone dei bar, è distribuito in almeno 190 paesi, stilando dati e numeri che non hanno pari.

  • Gosset

    Gosset, fondata nel 1584, è la più antica casa vinicola nella Champagne. Nel 1584, Pierre Gossett, all'assessore di Ay e viticoltore, produceva vini fermi, per lo più rossi, delle uve raccolte dalle sue vigne. A quei tempi, due vini si contendevano il primo posto sulla tavola per i re di Francia: il vino di Ay ed, da alcune centinaia di leghe più a sud, il vino di Beaune. Poi, nel 18 ° secolo il vino fatto ad Aÿ cominciò ad essere spumante e la famiglia Gosset si rivolse naturalmente alla produzione di champagne.

  • Gottardi Bruno Weingut

    http://www.gottardi-mazzon.com/

    0 products

  • Gravner

    Protagonista assoluto del vino italiano e della sua storia recente, Josko Gravner è vignaiolo il cui nome è intimamente legato a quel Collio che ha contribuito a rendere famoso nel mondo.

    0 products

  • Grey Goose vodka

    Il grano utilizzato per lprodurre la vodka Grey Goose è coltivato in Piccardia, Francia. Distillata nella stessa regione, a nord-est di Parigi, il distillato viene poi inviato a Cognac, Francia, dove viene miscelato con acqua di sorgente ed inbottigliata. Il grano utilizzato per la Grey Goose è grano invernale morbido, seminato nel mese di ottobre e raccolto nel mese di agosto, che matura con quattro mesi aggiuntivi di crescita rispetto al grano estivo. Il grano venduto a Grey Goose è classificato come "grano superiore per panificazione", ed è grano tenero invece che duro.

  • Guado al Tasso Tenuta

    La Tenuta Guado al Tasso si trova vicino a Bolgheri, sulla costa toscana, 96 km a sud-ovest di Firenze. I 300 gli ettari vitati della Tenuta si trovano al centro del cosiddetto "anfiteatro bolgherese": morbide colline circondano una splendida piana degradando fino al mare e creando un microclima dalle caratteristiche uniche.

  • Habitation Velier

    Habitation Velier è un progetto nato dalla collaborazione di Luca Gargano con i migliori distillatori che utilizzano alambicchi pot still e che quindi producono Pure Single Rum, la categoria che raggruppa l’eccellenza del rum. 

  • Hammer & Son Ltd

    Questo Gin è stato creato da Henrik Hammer, danese che per molti anni ha condotto degustazioni e seminari sul Gin, la cui madre possiede un famoso Gin-bar a Copenhagen. Pensava al Geranio come un sapore adatto al Gin da qualche tempo, dato che l’odore delle foglie gli ricordava l’aroma stesso del Gintonico. Quando Henrik ha condotto un’analisi chimica sul Geranio ha scoperto che i suoi oli significativi (geraniolo, formiato geraniolo, linalolo, ossido di rosa, Citronellolo) si trovano comunemente in frutta, verdura e spezie; così ha concluso che sarebbe stato un sapore che poteva sposarsi perfettamente con una vasta gamma di preparazioni.

  • Hennessy cognac

    Hennessy è il più grande produttore di Cognac nel mondo, ed è stata fondata da Richard Hennessy nel 1765. Un marchio molto apprezzato in tutto il mondo, la gamma si estende da VS a XO e oltre, con la Cuvée Prestige Richard Hennessy è veramente eccezionale.

  • Henriques & Henriques

    La storia di Henriques & Henriques, fondata da João Gonçalves Henriques risale al 1850. Dopo la sua morte nel 1912, un partenariato è stato creato tra i suoi figli, Francisco Eduardo e João Joaquim Henriques, quindi Henriques & Henriques.

    0 products

  • Highland Park whisky Distilleria

    Highland Park è una distilleria di whisky scozzese con sede a Kirkwall, Orkney. E' la distilleria di whisky più a nord della Scozia, a mezzo miglio più a nord rispetto a quella di Scapa. Highland Park ha ottenuto buoni risultati nei concorsi di carattere internazionale. Il suo 25 anni single malt scotch, per esempio, ha ricevuto due medaglie d'oro nel 2007 e nel 2009 al San Francisco World Spirits Competition.

  • Hofstatter J.

    Chi é alla ricerca della Tenuta Hofstätter, si ritrova, attraversando il groviglio di vicoli di Termeno, nell’ampia piazza del municipio, con il bar e la chiesa. L’azienda vitivinicola ha la propria sede in un’imponente costruzione del XVi secolo che all’epoca venne realizzata per l’imperial-regia stazione di posta e che ospitó poi la locanda "Schwarzer Adler" (Aquila Nera) di Maria Hofstätter, una prozia di Martin Foradori. in cantina c’era il marito, Josef, che produceva i suoi primi vini. Quale fosse il potenziale dei poderi della tenuta, fu scoperto non molto dopo dal nipote Konrad Oberhofer che dal 1942, assieme alla moglie Luise, aveva assunto la guida dell’azienda.

  • Ian Macleod Distillers

    Ian Macleod Distillers, localizzata a Broxburn e fondata nel 1933, è una delle più grandi e rispettate “famiglie scozzesi” del mondo dei distillati, inglobante varie distillerie di whisky, gin, vodka e rum. Tra i suoi principali brand di whisky si annoverano Isle of Skye, King Robert e Smokehead.

  • Indi & co.

    Sul nostro cammino per sviluppare la nostra gamma di INDI & Cº Mixer, la nostra ricerca ci ha portato indietro di secoli quando le tradizioni di conservazione e distillazione iniziarono a El Puerto de Santa Maria, la valle del Guadalquivir, in Andalusia, Spagna.Per centinaia di anni le erbe aromatiche, limoni e arance, per i quali la zona intorno a Siviglia è diventata famosa, sono stati essiccati e utilizzati per scopi medicinali e culinari.

  • Isole e Olena

    La famiglia De Marchi acquistò Isole e Olena, due fattorie nel cuore del Chianti, negli anni 50, e Paolo De Marchi ne prese il comando subito dopo essersi laureato in agraria. I vigneti sorgono sulle meravigliose colline toscane tra Firenze e Siena, culla del Chianti Classico favorendo l'utilizzo di vitigni tradizionalmente legati al territorio, primo tra tutti il sangiovese.

  • Itar Distillery

    La distilleria ITAR venne fondata nel 1995, specializzata nella produzione di prodotti alcolici da materie prime agricole, ed è l'unica distilleria di questo tipo nella regione di Kalingrado in Russia. Dal 1997 la distilleria ITAR produce la Russian Vodka.

  • J.M rhum

    La storia moderna delle distillerie J. M inizia nel 1914 quando Gustave Crassous de Médeuil acquista la distilleria dalla famiglia del fondatore Jean-Marie Martin, lasciando intatto il nome. La distilleria J.M è la più piccola produttrice di Rhum Agricole sull'isola di Martinica in quanto è ostinata nel produrre Rhum solamente con il 100% di canne da zucchero coltivate in proprio. 

  • J.M. Gobillard Et Fils

    La maison è situata nel cuore dello Champagne a 5 chilometri da Epernay, nel bellissimo villaggio di Hautvillers. Qui nel 1681 il Grande Celliers Dom Pérignon inventò lo Champagne come lo conosciamo oggi, e grazie a questo evento Hautvillers è divenuto il più rinomato villaggio della regione.

    0 products

  • Jacopo Biondi Santi

    Ha vissuto all’ombra del patriarca del Brunello, Franco Biondi Santi, morto nell’aprile 2013 a 91 anni. Ora il figlio Jacopo è solo al comando. Ha concluso la sua prima vendemmia senza il padre. Ha 63 anni. “A un’età in cui gli altri pensano alla pensione, ha finalmente raggiunto il lavoro per il quale è stato formato per gran parte della sua vita”, ha scritto Robert Camuto su “Wine Spectator”.

  • Jacquart

    La Maison Jacquart è la quinta casa della regione dello Champagne in termini di produzione, con 8.000.000 di bottiglie prodotte all’anno, di cui il 35% esportato in tutto il mondo. Da rilevare sono i 55.000 metri quadri di sale interrate ripartite su tre livelli fino a 20 metri sottoterra, con una capacità complessiva di 32 milioni di bottiglie, 2 cantine di remuage per 1.200.000 bottiglie. Le uve arrivano direttamente dai 2400 ettari di vigneti di proprietà della Maison, situati principalmente sulla Grande Montagne di Reims, la Vallée de la Marne e la Côte des Blancs. La scelta può spaziare su una gamma di 130 cru diversi e importanti riserve di cantina.

  • Jacques Selosse

    La grandezza dei vini di Jacques Selosse proviene da una semplice idea: per fare un grande Champagne, è necessario ripartire da grande frutto. Nel 1970, quando Anselme Selosse raggiunse la maggiore età, una simile idea era rivoluzionaria. Questo è stato, dopo tutto, il momento in cui l'uva che veniva usata in Champagne era storicamente di bassa qualità, frutto di produttività elevate ed uso eccessivo di sostanze chimiche. Ma Anselme aveva una prospettiva diversa, nata dal suo tempo speso a studiare in Borgogna a seguire le lezioni di Coche, Lafon e Leflaive. Egli credeva non solo in basse rese e nella la viticoltura biologica, credeva anche nel terroir. Era, insomma, un eretico in Champagne.

  • Jacquesson

    Dal 1798 questa Maison  porta il nome del suo fondatore. Fin dall’inizio il commercio fu prospero, grazie alla qualità dei vini elaborati. Lo Champagne Jacquesson fu il preferito da Napoleone, e nel 1810 l’Imperatore a seguito di una sua visita diede il più alto riconoscimento dell’epoca per un’impresa commerciale, una medaglia d’oro per “la Beauté et la Richesse de ses Caves”.

  • Jean Fillioux

    La dinastia di Jean Fillioux ha le sue radici a La Pouyade. Cinque generazioni hanno accettato, anno dopo anno, le funzioni sottili dettate dalla tradizione. La Casa di Jean Fillioux appartiene ad un gruppo selezionato di proprietà della famiglia tradizionale che ha difeso con successo la loro nicchia di qualità superiore nel corso di decenni, producendo costantemente autentico Cognac che l'arresto della secolare tradizione, la pazienza e l'amore per diventare capolavori che veri intenditori apprezzano.

    0 products

  • Jermann vinnaioli

    Anton Jermann, il fondatore, lascia la regione vinicola austriaca del Burgenland e poi le vigne in Slovenia per mettere radici in Friuli Venezia Giulia. E’ il 1881.
    Quì continua la sua attività vitivinicola, cui Silvio Jermann grazie alla sua genialità e fantasia, dagli anni settanta dà una svolta epocale, portando l’azienda ai vertici italiani e poi mondiali del vino. Oggi la proprietà Jermann si estende su 150 ettari di cui 130 ettari di vigneto e 20 ettari a seminativi e orticole. È un’azienda che dialoga ogni giorno con il mondo ma l’attenzione, però, rimane sempre puntata sulle cose concrete che fanno grande un vino. L’amore per la terra, insomma, è la pietra miliare di questa azienda agricola, grande perla del Collio, rinomata per i suoi bianchi eccezionali ma anche per i suoi rossi robusti e da tradizione.

  • Jérôme Prévost

    Jérôme Prévost è allievo di Anselme Selosse. Nel 1987 riprende i 2,2 ettari della vigna familiare a Gueux, ai piedi della piccola Montagna di Reims. Per 10 anni vende l'uva ai négociant sinchè non incontra Selosse che gli propone di aiutarlo. Produce una cuvée "Les Beguines" Extra Brut con una filosofia tutta "Bourguignonne": un solo vitigno, il Pinot Meunier, un terreno sabbioso calcareo e un invecchiamento 100% in legno. Produce circa 6000 bottiglie già divenute una rarità.

  • Johnnie Walker

    Johnnie Walker è un marchio di Scotch whisky di proprietà di Diageo che ha origine in Kilmarnock, Ayrshire, in Scozia. E 'il marchio più diffuso di Scotch whisky blended nel mondo, venduto in quasi tutti i paesi, con una vendita annua di oltre 130 milioni di bottiglie.

  • Joseph Drouhin

    Con i suoi 73 ettari (182,5 acri), Joseph Drouhin Domaine è una delle tenute più grande della regione. Essa possiede vigneti in tutta la Borgogna: Chablis (38 ettari - 95 ettari), Côte de Nuits e Côte de Beaune, (32-80 ettari), Côte Chalonnaise (3 ettari - 7,5 ettari). Si compone di una maggioranza di Premier e Grand Cru, piantati con i due vitigni di uva della Borgogna, il pinot nero e chardonnay. Il Domaine è stato messo insieme nel corso degli anni, grazie ad acquisti giudiziosi e accordi tra le famiglie. Alcuni vigneti sono tra i più famosi in Borgogna, come ad esempio Montrachet Marquis de Laguiche, Clos des Mouches, Musigny, Clos de Vougeot, Corton-Charlemagne, ecc. Per qualche villaggio o denominazioni regionali, Joseph Drouhin integra relativi rifornimenti con l'acquisto di uve da altri proprietari di vigneti che sono stati partner di lungo periodo di tempo e condividono la stessa missione di eccellenza. A partire con l'annata 2008, il nome "Vaudon" sarà associato con Joseph Drouhin per tutti i suoi vini di Chablis come segno di fedeltà dell'impresa a questo storico terroir. Il Moulin de Vaudon, di proprietà di Joseph Drouhin, è un 18 ° secolo mulino ad acqua a cavallo del fiume Serein, vicino ai vigneti di Chablis Grand Cru. A causa della sua posizione unica nel cuore di loro 38 ettari di vigneto (95 ettari), questo mulino storico è la sede del Drouhin Domaine a Chablis.

    0 products

  • Joseph Mellot

    La valle della Loira, la terza regione più grande per la vinicoltura in Francia, parte del patrimonio mondiale dell'UNESCO dal Chalonnes-sur-Loire al Sully-sur-Loire, che si estende dall'Oceano Atlantico alla parte della regione del Centro, offre terreni eccezionali per la viticoltura ed è un esempio da manuale di una regione con diversi terroir. Joseph Mellot, un produttore di Sancerre dal 1513, offre 6 denominazioni dai suoi 100 ettari di vigneti nella regione del Centro-Loire.

    0 products

  • Karukera

    Karukera è la più importante distilleria francese nella produzione di rum. Ricca della tradizione artigianale caraibica, si trova a Guadalupe nella città di Sainte-Marie, il primo luogo dove Cristoforo Colombo toccò terra nel viaggio esplorativo del 1493.

  • Keglevich

    Keglevich è una marca di vodka appartenente alla Stock, una fabbrica di liquori fondata nel 1884 da Lionello Stock. Keglevich Classic viene distillata interamente da grano puro con la ricetta originale inventata dal conte ungherese di origine croata, Stephan Keglevich.

  • Kellerei Kaltern

    Attualmente i ca. 440 soci della Cantina di Caldaro coltivano 300 ettari di vigne, facendo parte delle aziende vinicole di qualità più importanti d'Italia. Il lavoro nel vigneto viene svolto quasi esclusivamente a mano, con l'applicazione di rigide disposizioni per il controllo della qualità, la cui osservanza viene controllata dall'enologo che tutto l'anno segue e consiglia i contadini nel loro lavoro in campagna.

    0 products

  • Kurni

    A guidare la storica cantina Oasi degli Angeli, collocata a cavallo tra i territori di Cupra Marittima e Ripatransone, sono Marco Casolanetti ed Eleonora Rossi, ormai da circa vent’anni. La loro filosofia aziendale è sempre stata singolare, poiché si sono fin da subito avvicinati ai dettami dell’agricoltura biologica e alla biodinamica. In vigna, infatti, le bassissime rese per ettaro sono rese possibili da una fittezza d’impianto che ha quasi dell’incredibile e che si abbina alla conservazione di uno solo o due grappoli a pianta. La forma d’allevamento utilizzata è quella tradizionale della zona, l’alberello a canocchia, ovvero una sorta di capannina tra due filari contigui.

  • L'Encantada

    L’Encantada annovera nella sua gamma espressioni storiche della categoria Bas-Armagnac. Questi millesimi, sei in tutto, provenienti dalle zone più vocate di tutto l’Armagnac presentano un quadro esaustivo delle produzioni locali più particolari e rare, per la maggior parte piccolissimi produttori che non distillano più da lungo tempo.

  • La Badiola Tenuta

    Tenuta La Badiola si trova nel cuore della Maremma toscana, a 7 Km da Castiglione della Pescaia e dalla costa tirrenica, ed è immersa in un contesto naturale di grande fascino: morbide colline punteggiate da verdi olivi e da filari di vigneti che si alternano ritmicamente per addensarsi, più a sud, nella macchia mediterranea, misteriosa, selvaggia e a tratti austera. In questo luogo, i profumi della campagna toscana si fondono con le fragranze salmastre del mar Tirreno, in un gioco olfattivo che stimola i sensi e sussurra all'anima. Dalla tenuta, lo sguardo si perde all'orizzonte, dove l'azzurro-turchese delle onde marine si fonde col blu intenso del cielo toscano.

  • La Braccesca

    La fattoria Aldobrandesca si trova nella Maremma del sud, al centro di quella che è conosciuta come 'la zona Etrusca dei Tufi'. L'immagine più diffusa della Maremma è quella "marittima", fatta di pianure e pinete, cavalli e butteri. La Maremma di cui parliamo, invece, è quella interna, che ha il fascino indiscutibile del tufo, roccia sulla quale in antichità sono state erette delle vere e proprie roccaforti - ora veri musei a cielo aperto - come Pitigliano, Sorano e Sovana. Proprio alle falde dello sperone di tufo dove si erge Sovana, si trovano i vigneti della Fattoria Aldobrandesca, immersi in un bellissimo panorama naturale ed archeologico. La Tenuta è stata acquistata dalla famiglia Antinori nel 1995 e si estende per 193 ettari su un terreno pianeggiante di origine vulcanica, con substrati tufacei. E' situata ad un'altezza di circa 200 m. sul livello del mare.

  • La Crotta Di Vegneron

    0 products

  • La Martiniquaise

    Un ritorno alle origini: Saint James è il primo marchio di rum ‘gestito’ da Luca Gargano, neo- product manager del marchio per la Spirit nel 1975. Luca organizzò il primo viaggio premio in Martinica per gli agenti. Saint James ‘fu galeotto’, e fu un colpo di fulmine, Luca si innamorò della Martinica, delle spiagge, delle palme, del Rhum e dei Caraibi.

  • La Spinetta

    La storia della famiglia Rivetti ha inizio nel 1890, quando Giovanni Rivetti, il nonno dei tre fratelli Carlo, Bruno e Giorgio, lascia il Piemonte per emigrare in Argentina. Come la maggior parte degli italiani di quell'epoca, il suo sogno è quello di trovare fortuna e di ritornare successivamente in patria per diventare un grande produttore di vino.

    0 products

  • La Stoppa

    LA STOPPA è un'azienda antica che con i suoi vigneti si arrampica solitaria sui declivi della val Trebbiola, non lontano dal fiume Trebbia, in provincia di Piacenza. L'azienda si estende su 58 ettari, 28 destinati a boschi e querce, castagni e robinie e 30 a vigna, tutti accorpati e dominati da una torre di impianto medievale. Più di cento anni fa, il suo precedente proprietario, avvocato Ageno, vi piantò viti francesi e produsse vini dai nomi significativi ed un po' curiosi perché italianizzati: Bordò, Bordò bianco e Pinò.

    0 products

  • Lagavulin Distilleria

    Lagavulin (La-ga-vù-lin in gaelico) è uno Scotch whisky single malt prodotto sull'isola di Islay, al largo della costa occidentale della Scozia. Appartenente alla categoria dei Classic Malts, è distribuito dalla Diageo. La distilleria ufficiale, situata a Port Ellen, iniziò la sua attività ufficiale a partire dal 1816. Il prodotto commercialmente più noto è il "16 years old", mentre vi sono alcune edizioni limitate di elevata valutazione, tra le quali è da segnalare la "Distiller's Edition".

  • Lageder Alois Tenute

    L´azienda familiare Alois Lageder è oggi sinonimo di qualità ed eccellenza nella tradizione enoica altoatesina. Il suo approccio olistico e sostenibile si rispecchia nell´attività vitivinicola biologico-dinamica e nelle molteplici attività artistiche e culturali che costituiscono fonti d´ispirazione per la Tenuta. Fondata nel 1823 e giunta ormai alla quinta e sesta generazione - con Alois Lageder e Alois Clemens Lageder - l’azienda spicca per la sua capacità di fondere tradizione e innovazione.

  • Lakrids by Johan Bülow

    0 products

  • Lanson

    La Casa Lanson ha sempre blendato i suoi champagne con una maggioranza di Pinot Nero e Chardonnay al fine di raggiungere il perfetto equilibrio tra potenza e finezza. L'approvvigionamento da oltre 500 ettari di vigneti nella regione vinicola di Champagne offre una vasta gamma di scelta e permette a Lanson di selezionare le migliori uve provenienti dalle migliori trame. La freschezza e l'energia che sono fondamentali per lo stile Lanson sono strettamente legate all'impegno storico della Casa di utilizzare un metodo di vinificazione tradizionale, senza fermentazione malolattica. Lanson sottolinea la frutta e la ricchezza di aromi in una ricerca di purezza nei suoi vini.

  • Laphroaig

    La distilleria Laphroaig (il nome significa la bella buca sull'ampia baia, in inglese "the beautiful hollow by the broad bay") fu creata nel 1815 da Alex e Donald Johnston.

  • Larmandier-Bernier

    Il lavoro della vite è stato registrato nelle storie familiari della famiglia LARMANDIERS e della famiglia Berniers dalla rivoluzione francese. I LARMANDIERS hanno contribuito alla fama della Côte de Blancs con la loro famosa 'Blanc de Blancs Cramant Nautre'.

  • Laurent Perrier

    Laurent-Perrier deve il suo successo alla famiglia di Bernard de Nonancourt, rappresentata oggi da Alexandra Pereyre e Stéphanie Meneux de Nonancourt, che conservano i valori e la filosofia della Maison nel tempo: il rispetto della natura e dei vini, l'amore per la qualità, i rapporti solidi e duraturi con le persone che lavorano in azienda.

  • Le Macchiole

    Siamo a Bolgheri in Toscana, nella Costa degli Etruschi. In questo luogo magico, dove dolci colline coperte di boschi, viti e ulivi s’incontrano con il Mar Tirreno, Le Macchiole nel tempo ha preso forma.

  • Le Ragnaie

    Riccardo e Jennifer Campinoti, oggi alla guida dell’azienda agricola de Le Ragnaie, hanno dimostrato di avere idee chiare sul percorso che doveva seguire la produzione in cantina, fin dai primi imbottigliamenti: derivati da un’agricoltura biologica i loro vini hanno assunto un profilo rigoroso , ma originale al tempo stesso.

    0 products

  • Le Vigne di Zamo'

    Un paio di anni fa è stata inaugurata la nuova cantina, completamente interrata, che garantisce il massimo della funzionalità - al resto ci pensano i vigneti. Il nostro grande vantaggio è costituito dalla possibilità di attingere da tre diversi terroirs, ovvero Rosazzo, Buttrio e Rocca Bernarda. Le Vinificazioni sono inizialmente sempre separate anche per effettuare rilievi statistici utili per la coscienza più specifica di ogni zona e vitigno. Solo successivamente si eseguono gli assemblaggi in funzione delle varie tipologie.

  • Les Cretes

    L’azienda Les Crêtes produce i suoi vini in un contesto molto particolare, caratterizzato da montagne elevate, pendenze sabbiose e temperature alpine. Forse conviene partire dalle figlie, Elena ed Eleonora classe 1977 e 1980, che, oltre ad essere raggianti come la madre Imelda, avevano il compito in Azienda di procurare coccinelle: sì, coccinelle! Venivano cercate e prelevate nei prati di montagna, nei dintorni di Ozein a mezz’ora da Aymavilles, inserite nei piccoli astucci di cartone e trasportate con cura in giornata per essere liberate in vigna ove avrebbero compiuto la loro opera divorando gli acari nocivi: alle bambine, divertite da molto più che un gioco, non restava che fermarsi a guardare. No, non è una fiaba, è stata una semplice scelta fatta dalla famiglia Charrère, che ha sempre, in tutta la sua storia, badato alle cose concrete.

  • Levante Spirits

    Levante Spirits nasce da un incontro ad un Master universitario a Firenze diventato presto iniziativa: fare imprenditoria per amore del buon bere.

  • Licorerias Unidas

    Rum prodotto in venezuela per la multinazionale Diageo. Questo distillato è di colore ambrato, ed è costituito da una miscela di 7 rum, filtrati per 3 volte ed il tutto è invecchiato per 2 anni. Il nome di cacique, che in spagnolo significa Capo Tribù, caratterizza l'etichetta della bottiglia.

  • Lillet

    Lillet (pronuncia francese: [Li'le]) classificato come un vino aromatizzato il diritto dell'Unione, è un vino da aperitivo francese dal Podensac, un piccolo villaggio a sud di Bordeaux, prodotto verso la fine del 1800. Si tratta di una miscela di 85% di vini della regione di Bordeaux (Semillon per il Bianco e per la rosa, Merlot per la Rouge) e il 15% liquori macerati, soprattutto liquori di agrumi (bucce di arance dolci provenienti da Spagna e Marocco e bucce di arance verdi amare da Haiti). La miscela viene poi assemblata in tini di rovere fino a completa miscelazione. Durante il processo di invecchiamento, Lillet viene gestito come un vino di Bordeaux (in fase di affinamento, svinatura, filtraggio ecc). Nella formulazione originale Kina Lillet (chiamato così per quanto riguarda il suo contenuto di chinino), liquore di chinina fatto di corteccia di china del Perù è stato incluso tra i suoi ingredienti. I suoi produttori hanno rimosso la corteccia di china da loro ricetta nel 1985, alterando drasticamente ciò che è stato l'elemento centrale amaro nel tentativo di tenere il passo con le preferenze mutevoli dei gusti. La Swiss-made Tempus Fugit Spirits Kina l'Aero d'Or e Cocchi Americano, un vermuth vino italiano, sono i più vicini al sapore originale Kina Lillet.

  • Lis Neris

    Lis Neris, una cantina di confine. Terra di confine, le valli dell'Isonzo nei pressi di Gorizia sono disseminate di piccoli borghi antichi, arroccati attorno al campanile e nei quali il tempo sembra essersi fermato. I vigneti scandiscono il ritmo delle giornate e delle stagioni, e qui, dal 1879 Lis Neris lavora con passione alla cura delle tanto care viti.

  • Livio Felluga

    E' facile intuire che la storia di Livio Felluga e del suo vino si intreccia con la storia di quella particolare terra che circonda l'estremo nord est dell’Adriatico, il punto di contatto fra il Mediterraneo e l'Europa centrale.   
    Storia di confini più volte cambiati, imperi scomparsi, guerre che sono passate, storie di genti che qui si sono fermate.

  • Lodovico Antinori

    Nel 1994, mentre stava cercando dei terreni per ampliare la sua Tenuta dell'Ornellaia, Lodovico Antinori ha scoperto i terreni di Tenuta di Biserno vicino Bibbona. Da quel momento il suo piano è cambiato, trovando nella composizione dei suoli, nell'esposizione dei vigneti e nella posizione dell'azienda degli ottimi spunti per un nuovo progetto, un sogno divenuto realtà.

    0 products

  • London gin Distilleria

    Prodotto dalla Gonzales Byass, la distilleria anglo-spagnola, famosa per i suoi brandy aromatici. Il prodotto si fregia di essere il primo gin blu del mondo anglosassone, pur mantenendo un profilo delle botaniche in linea con la tradizione. 

  • Loredan Gasparini

    Dal '500 ai giorni nostri
    In Venegazzù di Volpago del Montello, alle pendici della riviera omonima, nel cuore dell’Alta Marca Trevigiana (a nord di Venezia), si estendono i 60 ettari dei vigneti dell’Azienda Agricola Conte Loredan Gasparini. Zona storicamente vocata alla produzione di vini di pregio, tanto che nel lontano 1590 lo storico Bonifacio ne tesseva le lodi nella sua “Historia Trevigiana” sostenendo che “Ha il contado di Trevigi boschi utili per molte legne e per la caccia…  I terreni producono (…) vini buonissimi ed il migliore è quello della riviera del Montello”, consta di terreni argillosi ricchissimi di ferro e componenti minerali. Fondata negli Anni Cinquanta dal Conte Piero Loredan, diretto discendente del Doge di Venezia Leonardo Loredan (il quale scelse il territorio di “Vignigazzu” per stabilirvi la propria dimora in una splendida villa palladiana), l’azienda passò nel 1973 all’attuale titolare Giancarlo Palla. Sin dagli inizi il fondatore fece mettere a dimora nei tenimenti aziendali i vigneti di Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Malbec per produrre vini di elevato pregio qualitativo, adottando quale filosofia produttiva (rimasta un punto fermo dell’azienda) il rispetto e la profonda valorizzazione del legame vitigno/territorio.

  • Louis Jadot

    La Maison, fondata nel 1859 da Louis Jadot, diretta per tre generazioni dalla famiglia Jadot e per trent’anni da André Gagey, è attualmente condotta da Pierre Henry Gagey. Grazie all’esperienza maturata negli anni ed alla continua acquisizione di prestigiosi vigneti, Jadot è in grado di assicurare nel tempo un elevato profilo qualitativo dei suoi vini.

  • Louis Latour

    Louis Latour è un nome di primo piano del panorama vinicolo della Borgogna. La Maison è stata fondata nel 1797 ed è rimasta, da allora, a conduzione familiare. Oggi è guidata da Louis-Fabrice Latour, settimo dei Louis Latour produttori di vino, impegnato nel salvaguardare e portare avanti una prestigiosa eredità.

  • Louis Roederer

    La cantina Louis Roederer fu la fornitrice ufficiale della corte imperiale russa per molti anni. Lo champagne della cantina Louis Roederer è tra i più pregiati vini champagne del mondo, ciò è dovuto a Louis Roeder stesso ed alle sue capacità imprenditoriali, il quale all’epoca capì l’importanza del mercato internazionale e soprattutto l’attenzione nei confronti delle monarchie che lo resero famoso in tutto il mondo.
    UNA DELLE ULTIME GRANDI MAISON DE CHAMPAGNE A GESTIONE FAMILIARE ED INDIPENDENTE

  • Lucien Le Moine

    Lucien Le Moine è una piccolissima Maison de négoce di Beaune posseduta da Mounir Saouma e dalla moglie Rotem che, ispirati da una grande passione per la Borgogna, il Pinot Noir e lo Chardonnay, hanno scelto nel 1999 di dar vita al loro ambizioso progetto di vivere e produrre vini in Borgogna improntati alla purezza ed alla tipicità. Marito e moglie, grazie all’esperienza maturata negli anni, hanno quindi deciso di dedicarsi alla ricerca ed alla selezione di piccolissime quantità di vini dei migliori Crus. Ogni anno vanno perciò alla ricerca dei migliori vini delle varie appellations ed, a seconda della qualità riscontrata, decidono la loro selezione. Questa impostazione è coerente con le minime dimensioni della loro cantina di Beaune e consente loro di eseguire ogni singola pratica manualmente e personalmente, curando ogni singolo dettaglio di ciascun vino ed annata. Per tale motivo, hanno acquistato complessive 67 botti nel 2002, 47 nel 2003 e 72 nel 2004. Il vino viene degustato da Mounir e Rotem subito dopo la pressatura e successivamente acquistato, messo nelle botti, invecchiato e poi imbottigliato. I vini di Mounir e Rotem sono ormai fra i più ricercati dagli appassionati e dai collezionisti di vini della Borgogna.

  • Luigi Bosca

    La famiglia Arizu ha una forte eredità europea risalente al XVIII secolo, per il piccolo villaggio di Unzué, nei Paesi Baschi. Nel 1890, Leoncio Arizu arrivò in Argentina alla ricerca di nuove opportunità e nel 1901 fondò la cantina nella provincia di Mendoza. Poi lui e il Bosca, un'altra famiglia antica e prospera che aveva emigrato dalla regione Piemonte in Italia, ha deciso di unire gli sforzi e fondò quella che oggi è Bodega Luigi Bosca – Arizu famiglia. Dopo 114 anni, l'eredità di Leoncio Arizu è ancora nelle mani dei suoi nipoti e pronipoti che onorano la tradizione di produrre grandi vini. La famiglia Arizu ha svolto un ruolo di primo piano nelle principali modifiche nell'industria enologica locale. Nel 1989, l'azienda aveva una partecipazione attiva nella fondazione del primo D.O.C argentino, il "Lujan de Cuyo" controllata denominazione di origine (D.O.C). il DOP. Innovazione continua, un incrollabile spirito di lavoro e una perpetua ricerca di raggiungere la massima espressione di vino argentino, sono sempre state il segno distintivo della famiglia Arizu e hanno guidato anche la cantina per ottenere il riconoscimento per produrre vini con uno stile e una personalità propria, che sono la migliore espressione del terroir e stile della regione, cultura e persone. 

    0 products

  • Luigi Tecce

    La cantina di Luigi Tecce si trova in contrada Trinità a Paternopoli, nella zona DOCG del Taurasi. Luigi rappresenta la quarta generazione di una famiglia di viticoltori, ma non segue subito la tradizione familiare ed inizia la carriera di fantino; non per nulla dedica l’Aglianico imbottigliato nel 2001 a Varenne, il grande trottatore, che in quell’anno ha conseguito i suoi massimi trionfi. La morte del padre, avvenuta nel 1997, obbliga Luigi a lasciare i cavalli e a ritornare alla sua terra per coltivare poco più di un ettaro di vigna impiantato con ceppi molto vecchi, che risalgono al 1930.

  • Lungarotti

    Fondata negli anni 60 da Giorgio Lungarotti, l'azienda ha dato vita a una dimensione nuova e trainante per Torgiano e per l'Umbria intera. Vino come elemento forte di un sistema di promozione integrata che garantisce un insieme produttivo e turistico di straordinaria qualità.

  • Luxardo

    Costituita nel 1821, e tuttora controllata al 100% dalla famiglia fondatrice, è una delle più antiche aziende europee nel campo della produzione dei liquori. 

  • LVMH

    10 Cane Rum prende il nome dalla tradizione della raccolta a mano e il raggruppamento degli steli di canna da zucchero in gruppi di dieci. Come la cachaca e il rhum agricole francese o haitiano, 10 Cane è prodotto da succo di canna da zucchero fresco e poi blendato con rum prodotti da melassa invecchiati

  • Macallan whisky

    Macallan è un whisky scozzese di puro malto, prodotto dalla Macallan Distillery vicino a Easter Elchies House, a Craigellachie nella regione Speyside in Scozia.
    Originalmente, il Macallan è stato fatto maturare soltanto in barili di quercia, portati alla distilleria a Jerez de la Frontera in Spagna. All'inizio del 2004 Macallan ha introdotto un nuovo prodotto principale, la serie Fine Oak, il whisky viene addolcito in barili di quercia del bourbon così come lo sherry. Il Macallan è uno degli ingredienti della The Famous Grouse.

  • Macduff International

    Oggi MacDuff International è un'azienda di whisky scozzese con marchi premium e l'azienda è altamente considerata un esperto nello sviluppo di nuovi marchi. La nostra missione è di mantenere un forte focus sulla costruzione di marchi di classe mondiale e ad adoperarsi con insistenza ad eccitare i clienti e consumatori.

  • Maison Collet

    0 products

  • Maison Krug

    La Maison Krug illustra la straordinaria avventura di un visionario, Joseph Krug, un uomo dotato di una filosofia senza compromessi, convinto che l’essenza della Champagne è il piacere stesso; egli voleva offrire ai propri clienti uno Champagne di rara ricchezza e raffinatezza ricreabile ogni anno, indipendentemente dalle variazioni climatiche.

  • Maker's Mark

    La distilleria che produce il Maker's Mark è situata a Loretto, in Kentucky. La produzione ebbe inizio nel 1954, dopo l'acquisto di T. William Samuels della distilleria "Burks Distilery", costruita da George R. Burks nel XIX secolo. Samuels decise di creare una nuova ricetta per un whisky più amabile ma, non potendo permettersi di invecchiare il distillato per molti anni, decise di fare le proporzioni in modo simile alle ricette per fare il pane lievitato. La ricetta del tipo di pane scelto, stranamente, non conteneva alcuna segale (la quale è tradizionalmente presente nel mosto alla base della maggior parte di bourbons, oltre al granoturco che costituisce l'ingrediente principale), ma dell'orzo e del grano. La distilleria di Loretto nel Kentucky è stata inserita sul National Register of Historic Places (il registro nazionale dei luoghi storici degni di conservazione), il 31 dicembre 1974, ed è stata indicata nel National Historic Landmark (una ristretta lista di siti di interesse storico nazionale), il 16 dicembre 1980, elencato come Distilleria Burks. È inoltre stata inserita nell'American Whiskey Trail, un'iniziativa per il turismo culturale del Consiglio dei distillati di alcoolici in collaborazione con il supporto della Historic Mount Vernon. La prima bottiglia di Maker's Mark fu venduta nel 1958 ed era sigillata con della cera rossa che caratterizzava e caratterizza tuttora le bottiglie di questo Bourbon. Il marchio Maker's Mark è stato acquisito dal gruppo Fortune Brands nel 2005 in occasione della divisione del gruppo britannico di Allied Domecq con il gruppo Pernod Ricard, e facendo diventare la Fortune Brands la maggiore rappresentante del mercato del Bourbon negli Stati Uniti e nel mondo (il gruppo detiene inoltre parte la marca Jim Beam).

  • Mamont

    Nella remota e misteriosa Siberia, in un contesto selvaggio e montuoso, viene prodotta la vodka Mamont nella distilleria Itkul, la più antica di tutta la Siberia e rimasta l’unica a utilizzare puro malto. La distilleria venne fondata nella regione dei monti Altai, sulle rive del fiume Itkul nel 1868 da Kostantin Platonov, ricco scienziato pietroburghese, e Gregoriy Badyn, un mercante. Il motivo per cui la vodka qui prodotta porta il nome e il simbolo del mammut deriva dal fatto che in Siberia sono stati ritrovati, anche recentemente, esemplari di questo animale preistorico sepolti nel ghiaccio e ben conservati.

  • Manni Nossing

    Manfred Nössing, da tutti chiamato Manni, è un giovane e vulcanico vignaiolo per passione che proviene da una famiglia di agricoltori ed allevatori che possiede un maso denominato "Hoandlhof" sul versante collinare a ridosso dell'abitato di Bressanone, a circa 600 metri di altitudine in località Kranebitt. Tradizionalmente le uve dei 4 ettari di vigna, che comprendono le migliori zone viticole della conca di Bressanone, erano conferite alla locale cantina cooperativa, ma "Manni" dal 1999 ha deciso di iniziare a vinificare in proprio anche se soltanto nel 2003 ha completato la costruzione della nuova cantina integrata nel maso di famiglia e gli ettari di vigna a disposizione sono diventati 5. 

    0 products

  • Marchesi Antinori

    La Famiglia Antinori si dedica alla produzione vinicola da più di seicento anni: da quando, nel 1385, Giovanni di Piero Antinori entrò a far parte dell' Arte Fiorentina dei Vinattieri. In tutta la sua lunga storia, attraverso 26 generazioni, la famiglia ha sempre gestito direttamente questa attività con scelte innovative e talvolta coraggiose ma sempre mantenendo inalterato il rispetto per le tradizioni e per il territorio.

  • Marchesi Dè Frescobaldi

    Una famiglia fiorentina dedita da trenta generazioni alla produzione di grandi vini toscani. Con l'obiettivo di essere il più prestigioso produttore toscano di vino, Frescobaldi crede nel rispetto del territorio, punta sull'eccellenza delle proprie uve, investe in comunicazione e nella professionalità delle risorse umane.

  • Marco De Bartoli

    La cantina De Bartoli nasce nel 1978, quando il giovane Marco, con una laurea in agronomia e la passione per le auto da corsa, subentra alla madre Josephine nella conduzione del baglio Samperi, la tenuta dove per due secoli si era coltivata uva per la produzione del Marsala. L'azienda è in declino, il Marsala non è più molto richiesto dai consumatori, allora Marco decide di puntare tutto sull'alta qualità e di modificarne il metodo di produzione.

    0 products

  • Markus Molitor


    Nel 1984, alla tenera età di 20 anni, Markus Molitor ha assunto la direzione della cantina di suo padre con un chiaro obiettivo: produrre Mosel Riesling sotto il nome "Molitor" nella tradizione di otto generazioni e con la stessa qualità che ha reso la regione famosa 100 anni fa – terroir specifico, inconfondibile ed estremamente conservabile.

  • Marnier Lapostolle

    0 products

  • Martin Miller's

    L'origine di MARTIN MILLER´S GIN si deve a tre distinti signori inglesi, che si riunirono a Notting Hill, con il sano proposito di creare il miglior gin del mondo, senza porsi nessun tipo di limitazione.

  • Martini & Rossi

    Martini & Rossi è una multinazionale di origine italiana attiva principalmente nella produzione e distribuzione di bevande, celebre principalmente per il marchio Martini e per le sponsorizzazioni sportive e culturali. Grazie alla fusione con il Gruppo Bacardi nel 1993, con il quale forma ora un'unica grande entità produttiva, commerciale e distributiva, attualmente il Gruppo Bacardi-Martini è al terzo posto nel mondo nella graduatoria dei produttori di bevande alcoliche.

  • Mas de Daumas Gassac

    Mas de Daumas Gassac è un produttore di vino francese della regione Languedoc, classificato come Vin de Pays de l'Hérault poiché utilizza varietà di vitigni non permessi dalla propria Appellation d'origine contrôlée (AOC).

  • Masciarelli

    Masciarelli Tenute Agricole nasce nel 1981 dall’intuito imprenditoriale di Gianni Masciarelli, figura simbolo del panorama enologico italiano e protagonista dell'affermazione della vitivinicultura abruzzese moderna. Cuore pulsante della cantina è San Martino sulla Marrucina, in provincia di Chieti, e conta circa 300 ettari di terreni coltivati a vigneto e uliveto, distesi tra 13 comuni in tutte e 4 le province abruzzesi.

  • Masi

    La storia di Masi è la storia di una famiglia e dei suoi vigneti nelle Venezie. Il nome stesso deriva dal "Vaio dei Masi", la piccola valle acquisita in Valpolicella alla fine del XVIII secolo dalla famiglia Boscaini, tuttora proprietaria. Oggi Sandro Boscaini, Presidente e Amministratore Delegato, guida l'Azienda con il supporto della figlia Alessandra, Responsabile dell'amministrazione delle vendite; del figlio Raffaele, Responsabile Marketing e Coordinatore del Gruppo Tecnico Masi e del fratello Bruno, Responsabile delle attività produttivo-industriali. Il fratello Mario, pur impegnato in attività in proprio, è socio e consigliere di Amministrazione.

  • Mastroberardino

    L’innovazione, la ricerca, la sperimentazione hanno accompagnato l’opera di recupero e di rilancio dei biotipi più antichi e dai caratteri migliori, al fine di salvaguardare la biodiversità all’interno di queste famiglie varietali ed accrescerne il potenziale qualitativo. Le prime tracce dell’intrapresa Mastroberardino nell’attuale sede di Atripalda, alle porte di Avellino, risalgono alla metà del Settecento. Da allora ai nostri giorni si contano dieci generazioni di famiglia, senza soluzione di continuità. Nel 1878, con la registrazione presso la Camera di Commercio di Avellino, Angelo Mastroberardino, Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia e bisnonno dell’attuale Presidente, Piero Mastroberardino, avvia le esportazioni dei vini di famiglia prima in Europa, poi, grazie ai lunghi e pionieristici viaggi di suo figlio Michele Mastroberardino, verso l’America del Nord e l’America Latina.

  • Matusalem & Co.

    Matusalem & Co. è una casa produttrice di rum della Repubblica Dominicana.

    0 products

  • McCormick Distilling Company

    Distillazione di McCormick, situato nella storica Weston, Missouri, è che la più antica distilleria in uso continuativo. McCormick US è più forte che mai con un eccitante nuovo mix di prodotti innovativi, di qualità eccezionale e di notevole valore. È una combinazione senza rivali, basata su quasi 150 anni di esperienza e un costante impegno per il futuro.

  • Michel Fallon

    Michel Fallon è un piccolo artigiano dello Champagne, divenuto oggetto di culto per un Blanc de Blancs di grande personalità che Michel produce dal 2008 in piccole quantità. Ci troviamo nel villaggio di Avize, nella Côte de Blancs, dove il terreno calcareo e gessoso e la straordinaria vocazione dei vigneti, classificati Grand Cru, danno origine a uve di Chardonnay da cui nascono Champagne di grande finezza.

  • Michele Satta

    Il mio arrivo a Castagneto Carducci è “casuale”. Vengo da Varese e sono in vacanza con i miei, papà ingegnere, cognome e cromosomi sardi, e mamma insegnante, ed incrocio una proposta di lavoro da parte del proprietario di una fattoria del luogo. Sono fresco iscritto all’università di Agraria di Milano (mi laureo 4 anni dopo a Pisa) e subito, primo stage ottobre 74, inizio con la vendemmia! Il compito è pulire, servire le incombenze più umili, guardare e guardare, studio e lavoro. Imparo l’agricoltura a 360 gradi: imparo che la terra diventa dura quando soffia il vento, che ci sarà brutto tempo quando le rondini volano basse, imparo il ciclo della pianta, perché in certe zone del campo le piante stentano e in altre no, imparo che la cultura contadina è immenso patrimonio di unità con la natura e di paziente rispetto della realtà. Decido sull’onda di una passione sconfinata di mettermi in proprio e prendo in affitto vecchie vigne e relativa vecchia cantina. Nell’83 la prima vendemmia e da quel giorno una storia che è cresciuta passo passo assieme alla storia di Bolgheri (anno di fondazione della DOC di Bolgheri è il 1984). Pianto la mia prima vigna nel 91 e poi acquisto i terreni che posso e che sento perfetti per far vino arrivando a produrre le mie bottiglie solo dalle uve da me piantate. Cresce in quegli anni l’esperienza non solo della terra ma anche della cultura del vino internazionale, e iniziano viaggi nel mondo che allargano conoscenze e confronti. Mi affianca in questa avventura anche mia moglie Lucia che, insieme alla storia dell’Azienda, condivide con me la crescita di una bella e numerosa famiglia: nel tempo infatti sono nati 6 figli, cinque femmine ed un maschio. Adesso due di loro, Giacomo e Benedetta, partecipano in prima persona curiosi ed appassionati: sulla strada della tradizione e lo sguardo rivolto al nuovo inizia il cammino della seconda generazione!

  • Milhade

    Proprietari e produttori di vino sulla riva destra di Bordeaux, Maison Milhade coltiva l'arte del vino da oltre quattro generazioni, seguendo la tradizione di bordelais purezza e autenticità. Umiltà, amore per la vite e la ricerca dell'eccellenza sono stati i valori della famiglia Milhade per consentire ai loro terroir di esprimere pienamente se stessa in ogni bottiglia. Oggi, la Maison Milhade possiede oltre 200 ettari di vigneti della regione di Bordeaux. Le tenute sono situate sulla riva destra della Garonna, nelle denominazioni Bordeaux, Bordeaux Supérieur, Lussac Saint-Emilion e Lalande-de-Pomerol.

  • Mirabella Franciacorta

    Nato in provincia di Pavia il 3 giugno 1949, l’enologo Teresio Schiavi si trasferisce in Franciacorta nel 1978, anno in cui conosce l’ingegner Giacomo Cavalli di Paderno Franciacorta. Dall’amicizia quasi fraterna che li lega, nel 1979 nasce Mirabella, inizialmente una piccola realtà con una produzione di 8000 bottiglie nella vecchia filanda del paese, che nel tempo ha saputo distinguersi e diventare una tra le principali aziende di Franciacorta. Mirabella è sempre stata e continua ad essere all’avanguardia in diversi campi, senza mai perdere di vista l’eco-compatibilità sia nel vigneto, dove la produzione è certificata a basso impatto ambientale, sia in cantina, dove si utilizza il 100% di energia proveniente da fonti rinnovabili (55 tonnellate in meno di gas carbonico emesso annualmente). Mirabella è inoltra arrivata per prima in Europa a dare stabilità in fase di conservazione ai Franciacorta senza aggiunta di alcun allergene. Con “Elite” Franciacorta DOCG Extra Brut è stato raggiunto il massimo degli obiettivi: sono stati eliminati allergeni ed in particolare solfiti, sia aggiunti che naturali (inferiori a 10 mg/litro, limite di dichiarazione).

    0 products

  • Moet & Chandon

    Moët & Chandon è una delle più grandi case produttrici di champagne del mondo. Fondata nel 1743, possiede ora più di 1500 acri di vitigni e produce annualmente più di 24 milioni di bottiglie di champagne.

  • Monin

    Fondata nel 1912 a Bourges (Francia centrale) da George Monin, la piccola Azienda artigiana di allora lancia contestualmente sul mercato il Monin Original, liquore a base di lime e spezie, a 33°, che appartiene di diritto alla famiglia dei grandi liquori francesi come il Cointreau e il Grand Marnier, ed inizia una modesta produzione di sciroppi di alta qualità. La crescita è vorticosa, ma l′Azienda rimane rigorosamente familiare: siamo alla terza generazione, e l′attuale titolare, Olivier Monin, può vantare tutta una serie di primati. Leader assoluto sul mercato mondiale degli sciroppi; 15 milioni di bottiglie prodotte nel 2005, presente nei 5 continenti e in 95 paesi, un′unità di produzione in Florida che produce 3,5 milioni di bottiglie solo per il mercato americano, una filiale a Singapore che presto si trasformerà in un′ulteriore unità di produzione per il mercato asiatico, 35 milioni di Euro di fatturato, circa 90 gusti diversi di sciroppi, una gamma incredibile.

  • Montenisa

    Situata a sud del lago d'Iseo, in uno dei lembi più felici della regione viticola dal punto di vista geo-climatico, la tenuta Montenisa è composta da 60 ettari di vigneto e da un antico complesso immobiliare usato per le cantine. 

    0 products

  • Monterossa azienda agricola

    Cantina storica della Franciacorta dove la tradizione contadina si è fusa armonicamente con la tecnologia e dove la cura artigianale e la ricerca appassionata dell'eccellenza sono gestite con impegno e mentalità imprenditoriale, senza compromessi. Era il 1972 quando l'imprenditore Paolo Rabotti con il prezioso supporto della moglie Paola intraprese la strada della viticoltura. Una scelta ispirata e lungimirante che oggi viene portata avanti con entusiasmo e spirito innovativo dal fi glio Emanuele.

  • Montevertine

    Montevertine è situata nel cuore delle colline del Chianti, nel Comune di Radda in Chianti a 425 metri di altezza.La località era sicuramente abitata fin dall'XI secolo. Restano ancora infatti le tracce della costruzione originale, sicuramente a carattere difensivo, trasformata successivamente in abitazione rurale. Montevertine è stata acquistata nel 1967 da Sergio Manetti, allora industriale siderurgico, come casa di vacanza. Egli restaurò la casa in modo da renderla abitabile e subito impiantò due ettari di vigna ed allestì una piccola cantina con l'idea di produrre un po' di vino per i suoi amici e clienti.La prima annata prodotta, il 1971, era discreta e Sergio Manetti pensò di mandarne alcune bottiglie al Vinitaly di Verona tramite la Camera di Commercio di Siena.

  • Montevetrano

    La storia di Montevetrano inizia da un’ amicizia di metà anni ‘80 tra un gruppo di appassionati di vino con la voglia di sperimentare. Era il 1983 e tra loro c’erano Silvia Imparato e Riccardo Cotarella. 6 anni dopo le prime bottiglie di CCabernet Sauvignon al 90% e Aglianico al 10%, la prima annata di un vino che avrà lo stesso nome del castello: Montevetrano. Un successo straordinario, che continua ancora oggi. Silvia e Riccardo volevano creare un vino da invecchiamento di altissima qualità. E così è stato.

  • Moon Import

    La Moon Import ha compiuto nel 2015 i trentacinque anni di attività; traguardo questo importante e significativo, soprattutto per quanti hanno contribuito alla sua affermazione come Azienda leader in un settore che, se ai suoi esordi, risultava assolutamente "pionieristico", ora invece sta diventando sempre più inflazionato e per questo tendente a non privilegiare più obiettivi di qualità ma di business.

  • Moris Farms

    Duecent’anni orsono la famiglia Moris partì dalla Spagna per raggiungere la Maremma toscana, terra divina e di vino: un sogno d’amore s’avverava. Amore fresco e genuino per una terra ancora vergine, appena sfiorata dalla ingombrante presenza dell’uomo eppur ricca di straordinarie risorse naturali che solo mani innamorate avrebbero potuto valorizzare. Amore anche e soprattutto per il vino, che in queste campagne trova il suo ambiente ideale e che per i Moris era già splendida passione. Il racconto dell’azienda è tutto in questa profonda e saggia semplicità che ricorda l’atmosfera oggi tanto rimpianta delle buone cose antiche, fatte con la cura e la dedizione di chi ama ciò che ha scelto di fare: un racconto semplice custodito in ogni bottiglia che l’azienda vi offre.

    0 products

  • Moser

    La famiglia Moser da tre generazioni lavora la terra, coltiva i propri vigneti e vinifica le proprie uve in armonia con il territorio di origine, il Trentino. L‘azienda si trova sulle colline di Trento in un piccolo borgo storico che risale al 1300,  circondato da uno splendido anfiteatro di vigneti. Qui si trovano la maggior parte dei vigneti e la cantina dove vengono vinificati i vini bianchi e il Trentodoc.

    0 products

  • Moskovskaya

    Moskovskaya si fa baluardo delle caratteristiche fondamentali della vodka. Per quasi un secolo gli stessi ingredienti naturali sono stati trasformati nello spirit di cereali 100% neutro grazie a una distillazione e a un filtraggio rigorosi. Il processo comincia con la selezione dei cereali, per dare a Mosko la sua profondità di carattere, con un delicato aroma di pane e un finale speziato. Una volta mescolata con acqua purificata, la fermentazione dei cereali lavorati comincia e continua a passo spedito per tre giorni. La distillazione segue immediatamente, portando il liquido a enorme pressione e calore per rimuovere impurità volatili. Mosko viene poi distillata tre volte per avere un liquore puro e forte, che viene accuratamente bilanciato con acqua artesiana prima di effettuare un filtraggio in tre fasi. Questo comincia con sabbia di quarzo e continua con carbone attivo, prima del filtraggio finale con ulteriore sabbia di quarzo, per dare alla vodka la sua grande purezza e lo stile autentico.

    0 products

  • Nannoni

    Quest'anno, cercando un modo piacevole per riempire le pause che la distillazione impone, ho deciso di aprire gli scatoloni dell'archivio della distilleria, dove dal 1973 ad oggi è conservato ogni documento. Emozionante percorrere a ritroso le tappe dei miei primi diciotto anni da Maestro distillatore ed  andare ancora più indietro negli anni, a quando ho iniziato a frequentare la distilleria, ed ancora di più fino ai primi disegni dell'impianto, che un Gioacchino Nannoni ancora non conosciuto ha presentato oltre 40 anni or sono all'allora Ufficio Tecnico di Finanza, ottenendo la "Licenza di distillazione n.1 Li".

  • Niepoort

    Niepoort è un'azienda familiare indipendente dal 1842. Attraverso cinque generazioni, l'azienda ha superato con successo da un Niepoort all'altro Niepoort e in molti casi più anziani e giovani generazioni hanno lavorato fianco a fianco per un lungo periodo. In questo momento, stiamo con entusiasmo in attesa della futura sesta generazione, anticipando una stretta collaborazione.

  • Nikka whisky

    Nikka Whisky è un whisky prodotto in Giappone, con quartier generale a Tokyo e due distillerie a Yoichi, sull'isola di Hokkaidō e a Aobaku, nei pressi di Sendai. Il fondatore, Masataka Taketsuru, viaggiò in Scozia nel 1918 per apprendere il processo di distillazione del whisky scozzese. Studiò chimica organica all'Università di Glasgow e la produzione di malto per whisky presso le distillerie Hazelburn, nei pressi di Fort William, nelle Highlands. Si sposò con una donna scozzese e tornò in Giappone nel 1920. Nel 1934 fondò le distillerie Nikka. Attualmente l'azienda è di proprietà della Asahi Breweries

    0 products

  • Nino Negri

    La Nino Negri rappresenta oggi la realtà vitivinicola Valtellinese che meglio concilia tradizione e tecnologia. Per ottenere grandi risultati è necessario lavorare sempre con il massimo impegno ed investire continuamente in cantina e nei vigneti.
    Oggi la cantina conta 1500 barriques nuove di rovere francese e americano e ha completato la sostituzione delle grandi vecchie botti con più di 100 botti di dimensione diverse ma più piccole per permettere una maggiore selezione delle masse.
    La stessa cosa vale per le nuove vasche d’acciaio e per i vinificatori più moderni che ci permettono di implementare  nuovi sistemi di vinificazione. Sono stati reimpiantati 11 dei 31 ettari di proprietà con nuove selezioni clonali di nebbiolo e nuovi sistemi di impianto a girapoggio.

  • Nonino Distillatori

    Qualità, innovazione, ricerca, professionalità e amore per il proprio lavoro sono il segno di distinzione. Ad Orazio Nonino, il capostipite, seguiranno Luigi, Antonio, Benito con Giannola, Cristina, Antonella ed Elisabetta. Il 1897 è l’anno in cui Orazio Nonino stabilisce ai Ronchi di Percoto la sede della propria distilleria, esistita fino ad allora solamente sotto forma di un alambicco itinerante, montato su ruote.

  • Numanthia

    Nel nord ovest della Spagna vicino al confine portoghese si trova Toro, una regione dove il vino è stato fatto fin dall'epoca romana. Attraverso un mosaico di appezzamenti di vigneti di collina, vigneti piantati tra 50 e 120 anni fa, sopportano il calore di un' estate feroce e inverni freddi. La loro preziosa, concentrata uva Tinta de Toro dà vita ai vini di Bodega Numanthia.

  • Oban Distillery

    La distilleria Oban è una delle più antiche ancora attive in Scozia ed è anche una delle ultime distillerie urbane rimaste, fu fondata nel 1794 da John e Hugh Stevenson e ha sede sulla costa occidentale della Scozia nel cuore della città di Oban (fino alla costruzione della distilleria Oban era solo un piccolo villaggio di pescatori ma dopo divenne una città grazie alla crescita della distilleria).

  • Old Bushmills Distillery

    Nel piccolo villaggio di Bushmills, situata sulle rive del fiume si trova la più antica distilleria operativa in Irlanda. Un luogo dove la famiglia e gli amici hanno lavorato per generazioni, in un piccolo villaggio irlandese del Nord che per oltre 400 anni ha mantenuto la filosofia che il crafting a mano di piccoli lotti è il modo per produrre meravigliosamente liscio degustazione whisky irlandese.

    0 products

  • Onder de Boompjes

    La nostra distilleria nasce nel 1658 ed è la seconda più antica distilleria dei Paesi Bassi. Produciamo ancora privatamente genever e gin nel modo i cui pensiamo che dovrebbe essere. Questo significa che usiamo solo ingredienti freschi e naturali, imbottigliamo tutto noi stessi e facciamo ogni singolo distillato. Nessuna produzione è in outsourcing per cui ciò ci dà il controllo completo sui i nostri standard qualitativi. Attualmente disponiamo di 4 tipi di genever, 2 gin e una vodka.

  • Ottosoldi


    A nostro nonno che, comprando il suo primo terreno per otto soldi, diede inizio a una tradizione che ancora oggi parla di vino.

  • Pampero ron Distilleria

    Le Industrias Pampero furono fondate a Caracas da Alejandro Hernández e da Luis Manuel Toro nel 1938. Hernández riuscì a consolidare le abilità della tradizione artigiana per creare su larga scala rum dorati di qualità superiore, invecchiati in botti di rovere per un periodo di almeno 24 mesi. Questo rigoroso processo produttivo fu adottato dal Venezuela come standard di riferimento per la produzione del rum in tutto il paese: per la legge venezuelana è possibile denominare "rum" un distillato invecchiato almeno due anni, mentre sotto a tale periodo è permesso soltanto parlare di "aguardiente de cana".

  • Pasticceria Scarpato

    La legge dice che per poter essere chiamato panettone, un prodotto deve essere fatto con lievito naturale. Con il Decreto del 22 luglio 2005, adottato congiuntamente dal Ministero delle Attività Produttive e dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, viene dedicata una specifica normativa a tutela di alcune tra le più note specialità della tradizione dolciaria italiana.

  • Patron Spirits Company

    Patrón (Spagnolo per "il buon capo") è il frutto di due imprenditori, John Paul DeJoria e Martin Crowley, cui amore di tequila e desiderio di creare la miglior tequila nel mondo li ha condotti sugli altopiani di Jalisco, Messico. Là hanno trovato il veterano del settore tequila Francisco Alcaraz e gli ha chiesto di produrre il più straordinario, la più alta qualità possibile di tequila agave 100%. Da quell'incontro fortuito, nacque Patrón Tequila.

  • Paul Bara

    Fondata a Bouzy nel 1833, un paese il cui nome compare nell'inventario dei vini del Castello di Versailles, in un rinomato terroir classificato Grand Cru 100%, la Casa di Bara è stata tramandata di generazione in generazione da oltre 170 anni, sempre nel rispetto dei valori tradizionali della famiglia.

  • Paul Devoille Distilleria

    Oggi, Gin Gold 999.9 è ancora preparato in una piccola distilleria in un villaggio in Alsazia, al confine tra Germania, Francia e Svizzera. Parte della ricetta è ancora tenuta segreta, ma è rimasto la stesso per più di un secolo.

    0 products

  • Pecchenino

    L'azienda agricola Pecchenino nasce verso la fine del '700, e da sempre si è configurata come una cantina a conduzione familiare, i cui poderi si sono tramandati di generazione in generazione. La documentazione risale agli inizi del '900 quando l'azienda , condotta dal nonno Attilio , contava poco più di 8 ettari.

    L'azienda agricola Pecchenino nasce verso la fine del '700. È sempre stata a conduzione familiare e i poderi si sono tramandati da padre in figlio. La documentazione risale agli inizi del '900 quando l'azienda condotta dal nonno Attilio contava poco più di 8 ettari. 
  • Pelissero

    La nostra famiglia è da sempre dedita all'agricoltura con DNA langarolo e contadino. Siamo a Treiso, comune indipendente da Barbaresco dal 1957, nel cuore della zona di produzione di una delle prime DOCG italiane, il Barbaresco, figlio del re Nebbiolo, la varietà che più di ogni altra ha delineato e delineerà la storia delle nostre colline e della vitivinicoltura nazionale ed internazionale. Noi siamo figli di questa terra e di questo vitigno.

  • Pernod Ricard

    Pernod Ricard è una società francese che produce bevande distillate. Prodotti eponimi dell'azienda, Pernod Ricard e anice Pastis, sono entrambi i liquori di anice e sono spesso indicati semplicemente come Pernod o Ricard . L'azienda produce anche molti altri tipi di pastis. Dopo il divieto produzione dell'assenzio, Pernod Ricard è stata creata dalla società Pernod Fils, che aveva prodotto assenzio. E' ormai una multinazionale.

  • Perrier Jouèt

    Dal 1811 la Maison Perrier-Jouët realizza dei vini dallo stile unico, floreale, intenso, ricercato...Due secoli di tradizione nel segreto delle cantine della Maison, un prezioso savoir-faire artigianale trasmesso di generazione in generazione. Una Maison d'artigianato. In due secoli si sono succeduti solo 7 Chef de Cave, che hanno preservato il segreto di uno stile unico.

  • Petra

    Vicino all’antico borgo di Suvereto, sulle colline ferrose della Val di Cornia dove lo sguardo può lasciarsi andare fino al Mar Tirreno, la magia di Petra è costantemente accarezzata da venti che risvegliano memorie viticole ed enologiche del tempo dei Greci e degli Etruschi. Ciò che è moderno e funzionale è nello stesso tempo tradizione profonda che si perde nelle linee di una storia. È lo strato sotterraneo – della terra, degli uomini, del loro ininterrotto racconto – che Petra rivela e svela.

  • Petrolo

    Petrolo è gestita da quattro generazioni dalla famiglia Bazzocchi-Sanjust e concentra oggi la sua attività nella produzione di vini di pregio, olio extra vergine di oliva biologico IGP Toscano  e sin dagli anni '80 ha un agriturismo in una splendida cornice rurale tipica Toscana.

    0 products

  • Philipponnat

    Con radici profonde ed una tradizione che dura dal 1522, l'azienda Philipponnat è celebre per i suoi Champagne, perfettamente in equilibrio tra intensità e freschezza, ed apprezzati da un'ampia clientela. Dallo stile eccezionale, partendo dal suo portabandiera Brut Royale Réserve, scelto dai migliori intenditori del settore, tutti i prodotti dell'azienda si presentano corposi, strutturati e freschi, distintivi soprattutto per le uve di Pinot Nero predominante, dal cuore di Premier e Grand Cru nel sud della Montagna di Reims.

  • Pian Delle Vigne

    La Tenuta Pian delle Vigne, che si trova a 6 Km. a sud di Montalcino, sopra la Val d'Orcia, è stata acquisita da Antinori nel luglio 1995. Prende il nome da una caratteristica stazione ferroviaria del XIX secolo situata all'interno della tenuta, tutt'ora in uso. La superficie totale dell'azienda è di 184 ettari, di cui 65 ettari piantati a vigneto, 2 ettari ad oliveto e 117 ettari di bosco.

  • Pieropan

    Nel cuore del paese medioevale di Soave, nello storico Palazzo Pullici del 1880 è stata fondata l'azienda Pieropan. Quattro generazioni hanno segnato la storia dell'azienda Pieropan, ognuna con apporti diversi in relazione ai tempi, alle conoscenze ed allo spirito imprenditoriale. L'attività vinicola inizia con Leonildo, medico del paese di Soave che, spinto da conoscenze in biologia e chimica, intraprende il lavoro nei vigneti di famiglia e in cantina i figli, Fausto e Gustavo, hanno continuato l'opera con infinita passione.

    0 products

  • Pierre Frick

    La famiglia Frick coltiva la vigna a Pfaffenheim da almeno dodici generazioni. Nel 1970 il Domaine venne convertito alla coltura biologica. Le prime applicazioni della biodinamica iniziarono nel 1981. L'uso regolare delle preparazioni biodinamiche coniugate al rispetto dei ritmi e delle influenze cosmiche stimola la vita del suolo e accresce la resistenza delle piante alle malattie ed ai parassiti.

  • Piper Heidsieck

    Piper-Heidsieck è una delle più grandi case produttrici di champagne del mondo con sede a Reims, nella regione della Champagne-Ardenne. Fondata nel 1785 da Florens-Louis Heidsieck, dal 1839 ha aggiunto ad Heidsieck il cognome Piper dal cugino del fondatore, Henri-Guillaume Piper, che lo seguì insieme a Christian Heidsieck nella conduzione della maison. 

  • Podere il Carnasciale

    Podere Il Carnasciale come azienda di famiglia è gestita da Bettina e Moritz Rogosky, in stretta collaborazione con i enologi Peter Schilling e Marco Maffei. La consulenza esterna è affidata all'agronomo Remigio Bordini.

  • Pojer e Sandri azienda agricola

    L’Azienda Pojer e Sandri nasce nel 1975 dall’incontro dei giovani Fiorentino Sandri e Mario Pojer. Il primo aveva appena ereditato circa due ettari di vigneto, il secondo si era di recente diplomato enologo alla prestigiosa scuola di enologia di San Michele all’Adige.

  • Pol Roger

    Pol Roger (fondato 1849) è un notevole produttore di champagne. Il marchio è ancora di proprietà e gestito dai discendenti di Pol Roger. Situato nella città di Épernay nella regione dello Champagne, la casa produce annualmente circa 110.000 casse di Champagne. 

  • Poli grappaioli

    La Grappa non esiste. Esistono "le" Grappe, ognuna differente. Perché differenti sono: il vitigno, l'alambicco, la vinaccia, l'annata, l'invecchiamento,  lo stile ... Elementi variabili che creano un universo multicolore di Grappe uniche e irripetibili. 

  • Poliziano

    Una perla rinascimentale, una città papale, un centro di origine etrusca. Montepulciano, Pienza, Cortona. Questo il terroir storico e culturale dei nostri vini. Circondata da poggi e colline, ispirata a una tradizione enologica millenaria, la nostra produzione di eccellenza si esprime qui da 50 anni. E qui vi invita a vivere un'esperienza inedita, di ospitalità, gusto e bellezza.

    0 products

  • Pollenza

    La Cantina il Pollenza, sorge a Tolentino nelle Marche. La passione per la terra, la dedizione costante e la ricerca delle migliori tecniche di coltivazione, nonché gli elevati standard qualitativi per la lavorazione del vino, hanno contribuito a dare vita all'azienda vitivinicola. A livello geografico la tenuta sorge nello splendido panorama delle colline maceratesi che il Conte Brachetti – Peretti acquistò più di venti anni fa, dai principi Antici Mattei, con un bellissimo edificio del ‘500 disegnato dal Sangallo. Si sviluppa su circa 200 ettari di cui almeno 50 sono destinati a vigneto.

  • Polmos

    La distilleria Polmos, che si trova nella città polacca di Bielsko-Biala, inizia a produrre Vodka nel 1991, prendendo in eredità quella che era stata l’attività di distillazione dell’azienda Silesia, impegnata nel settore degli alcolici dal 1946. Basandosi su antiche ricette, la Polmos produce attualmente diverse tipologie di Vodka, tutte di eccellente qualità, ma soprattutto commercializza con successo tutte le proprie etichette nei mercati di alcuni importanti paesi internazionali, come Stati Uniti, Slovacchia, Germania, Repubblica Ceca, Italia, Francia, Australia, Belgio, Cina e Regno Unito.

  • Pommery

    Pommery è un'azienda di champagne francese con sede a Reims. La casa fu fondata come Pommery & Greno nel 1858 da Alexandre Loius Pommery e Narcisse Greno e trattava principalmente di commercio di lana. Sotto la guida della vedova di Alexandre, Louise Pommery, la marca si dedicò alla produzione di champagne e presto si guadagnò un ruolo di primo piano tra le case di champagne della regione. Attualmente la Pommery è di proprietà della Vranken-Pommery Monopole (di Épernay).

  • Port Ellen Distillery

    Per molti appassionati la Port Ellen è una delle più grandi distillerie "perdute" di Scozia. Fondata nel 1825 dalla AK Mackay & Co. la distilleria si trovava nella piccola cittadina di Port Ellen, pochi chilometri a ovest delle famose distillerie di Ardbeg, Lagavulin e Laphroaig. Chiusa definitivamente nel 1983 dall'attuale proprietà (Diageo) la vecchia distilleria è stata trasformata in un maltificio che attualmente fornisce orzo maltato alla maggior parte delle distillerie dell'isola.

  • Prendina

    L'Azienda Agricola La Prendina ha storia recente nel settore vitivinicolo, fu acquisita nel 1958 e la coltivazione della vite, dopo profonde modifiche all'assetto idrogeologico, fu avviata facendo tesoro delle esperienze maturate a Custoza dai proprietari. Ben più antiche sono le prime tracce dell'esistenza della Prendina in quanto fattoria. La cartografia all'epoca dei Gonzaga, Signori di Mantova, riporta l'esistenza della Prendina, testimonianze verbali più recenti tramandano la presenza di una chiesa e di una torre, storicamente chiamata “colombaia”, tipica costruzione a base quadrata di tre piani, la quale fa parte degli attuali fabbricati ed è attualmente raffigurata nel logo aziendale.

  • Provenza Cà Maiol

    L’Azienda Agricola Cà Maiol, oggi equilibrato connubio fra storia e modernità, si compone di quattro cascine: la più antica, edificata nel 1710 dal notaio desenzanese Sebastiano Maioli e dal 1967 sede principale dell’attività è Cà Maiöl.

  • Querciabella

    Fondata nel 1974 nel borgo medievale di Greve in Chianti, Querciabella incorpora un approccio innovativo nella produzione di vino in un contesto di tradizione. La tenuta toscana si è affermata negli anni come punto di riferimento per la viticoltura biodinamica, aprendo la strada anche ad altri produttori che nel tempo hanno eliminato dai vigneti pesticidi, erbicidi ed elementi chimici. Il proprietario di Querciabella, Sebastiano Cossia Castiglioni, ha integrato i suoi valori ambientalisti in ogni aspetto della produzione vinicola. Vegetariano e attivista per i diritti animali, è stato il responsabile per la conversione della tenuta alla viticoltura biologica nel 1988 e dal 2000 ha introdotto una serie di rigorose pratiche biodinamiche. Oggi una filosofia cruelty free nella gestione dei terreni è parte integrante delle attività quotidiane a Querciabella.

  • Quinta do Vesuvio

    0 products

  • Quintarelli

    Il lavoro di Giuseppe Quintarelli è stato una vera e propria fonte di ispirazione per tutti quei produttori che hanno cominciato a cimentarsi con la produzione di Amarone ed oggi la cantina può essere considerata un punto di riferimento imprescindibile per quanti vogliano accostarsi a questo vino. La cantina Quintarelli, anche senza la supervisione del suo fondatore, continua ad essere un’eccellenza in questo mondo. Nella cantina di Via Cerè, vera quintessenza di tradizione vitivinicola, si cominciano a notare infatti positive innovazioni nella gestione dell’attività della cantina, sempre rispettose della tradizione, dovute all’arrivo di Fiorenza, figlia di Giuseppe Quintarelli.

    0 products

  • Red Bull

    Ispirandosi alle bevande funzionali presenti in Estremo Oriente, Dietrich Mateschitz fonda Red Bull a metà degli anni '80, mettendo a punto la formula del prodotto e sviluppando un concetto di marketing unico. La prima lattina di Red Bull Energy Drink viene venduta in Austria il 1° aprile 1987, data che segna non solo il lancio di un prodotto del tutto innovativo, ma anche la nascita di una nuova categoria merceologica. Da allora Red Bull ha raggiunto oltre 171 Paesi e ne sono state consumate più di 62 miliardi di lattine.

    0 products

  • Règnard

    La Maison Régnard è una delle più antiche e prestigiose cantine borgognone. Fondata nel XVI secolo possiede svariati appezzamenti nella regione del Mâconnais, ossia la zona più a sud della Borgogna, nei quali produce alcuni dei migliori Chablis del mondo. Il cuore pulsante della maison è l'appellation Pouilly Fuissé AOC con il centro operativo ancora radicato nello storico Clos du Pavillon, le cui cantine risalgono al 1755.

  • Reimonenq Distillerie

    La distilleria è stata fondata nel 1916 dalla famiglia Reimonenq. E come per la maggior parte delle altre distillerie dell'isola, la principale produzione è rum agricolo, distillato prodotto dal succo di canna da zucchero puro.La canna da zucchero appena tagliata è schiacciato da mulini elettrici. Dopo la fermentazione (da 24 a 48 ore) in tini a cielo aperto, il prodtto viene distillato nella colonna in acciaio inox. Questa colonna è speciale perché il succo fermentato viene riscaldato indirettamente (scambiatore di calore coil) per separare l'alcol del vino. L'alcool evapora da 78 ° C ad un massimo di 92 ° C.Questo scambiatore di calore termico permette il controllo totale della temperatura durante il processo di distillazione ed elimina pertanto il cattivo gusto ed etereo per estrarre un prodotto di qualità. Questo processo unico crea il Caribbean Rum "Coeur de Chauffe", un rum speciale per i vostri cocktails e long drinks. All'uscita della colonna, rum chiaro e tra il 60% e il 70% di alcol - viene stivato: In botti di legno o in vasche di acciaio inox e poi ridotta al 50% per la vendita. Messo in affinamento in botti di rovere, con una capacità di 200 a 600 litri (minimo 3 anni per il nome "old")

  • Rhum Neisson

    Fondata nel lontano 1931, la distilleria Neisson è oggi considerata tra le migliori case produttrici di rum non solo della Martinica, ma di tutti i Caraibi. Situata all’entrata di un piccolo villaggio di pescatori, la distilleria è condotta dalla nipote di Hildevert-Pamphile Neisson, fondatore, e dal figlio di lei Gregory Vernant Neisson, che svolge anche la funzione di mastro distillatore. Ancora molto legata alla sua tradizione e un sistema di gestione famigliare, la Neisson è rimasta l’unica distilleria della Martinica in cui la figura del master distiller coincida ancora con quella del proprietario.

  • Roagna

    La nostra famiglia é radicata nel villaggio di Barbaresco da diversi secoli, prima ancora che i vini Barbaresco e Barolo possedessero le attuali caratteristiche. Siamo proprietari di 20 ettari di cui 12 vitati, mentre la parte restante é destinata a bosco. I nostri vigneti storici di proprietà si estendono nella zona di produzione del Barbaresco e del Barolo e sono i cinque vigneti seguenti. Barbaresco/ Asili. Barbaresco/ Carso. Barbaresco/ Montefico. Barbaresco/ Pajè. Castiglione Falletto/ Pira

  • Roberto Cavalli

    Roberto Cavalli Vodka è la prima vodka premium  realizzata interamente in Italia, ispirata e dedicata al  fascino della donna, icona ed eterna musa dello stile Cavalli.
    Roberto Cavalli ha trasferito in questa deliziosa vodka premium tutto l‘ottimismo e la "joie de vivre " per i quali è conosciuto nel mondo e che da sempre caratterizzano le sue collezioni.

  • Roby Marton

    La nuova frontiera del gin italiano di qualità ha un nome: Roby Marton. Tutto nasce dall’intuizione di Roberto Marton, imprenditore veneto che, dopo una lunga esperienza nella produzione e distribuzione di liquori e distillati, dedica anima e corpo nella creazione di un gin artigianale, prodotto seguendo le più antiche tradizioni inglesi ma rispettando i più alti criteri qualitativi del made in Italy. Stiamo parlando di una piccolissima produzione artigianale che non supera le 12000 bottiglie ma che ha riscosso un grande successo nei più eleganti e raffinati locali e gin bar di tutta Europa.

    0 products